Leggende degli sci: 25 idoli degli sport invernali

30. Giugno 2023 - SnowTrex

Atleti eccezionali dello sci come Felix Neureuther, Justyna Kowalczyk, Lindsey Vonn, Toni Innauer e Magdalena Neuner hanno lasciato il segno nel panorama dello sci internazionale di alto livello come nessun altro. Sono tutte leggende dello sci che hanno raggiunto risultati incredibili non solo nello sci alpino, ma anche nel biathlon, nel salto con gli sci e nello sci di fondo e sono entrate nella storia degli sport invernali. Per i loro meriti SnowTrex  ha deciso di onorare 25 atleti selezionati e raccontare le loro storie di successo.

Felix Neureuther è lo sciatore di maggior successo in Germania ed è diventato una vera e propria leggenda dello sci già ben prima del suo ritiro.


1. Leggende dello sci alpino

Franz Klammer

Probabilmente la più grande leggenda dello sci Austriaco è Franz Klammer: l’ex fuoriclasse dello sci della Carinzia ha ottenuto un totale di 25 vittorie in discesa tra il 1973 e il 1984, quattro delle quali solo sulla leggendaria Streif di Kitzbühel. Inoltre, ha vinto la Coppa del Mondo di discesa libera per cinque volte ed è tuttora il corridore di maggior successo in questa disciplina nella storia della Coppa del Mondo di sci alpino. Anche la famosa discesa libera della Coppa del Mondo “Carinthia-Franz Klammer” a Bad Kleinkirchheim, che ha una pendenza fino a 35 gradi, è intitolata all'”Imperatore Franz”.

Mikaela Shiffrin

A soli 17 anni, Mikaela Shiffrin ha ottenuto la sua prima vittoria in Coppa del Mondo nel dicembre 2012. Inizialmente, l’americana originaria del Colorado ha avuto successo nella sua disciplina prediletta, lo slalom. Ai Giochi invernali del 2014 a Sochi, ha vinto anche la sua prima medaglia d’oro, diventando la più giovane campionessa olimpica in questa competizione. Nella stessa disciplina, Shiffrin ha anche vinto il titolo mondiale per quattro volte di fila tra il 2013 e il 2019. Nel corso degli anni, tuttavia, si è sempre più trasformata in un multi-talento assoluto in Coppa del Mondo. Con vittorie nella discesa libera, nel super-G, nello slalom gigante, nello slalom, nella combinata e nello slalom parallelo, la superstar dello sci è salita sul gradino più alto del podio in tutte le discipline dello sci alpino.

Mikaela Shiffrin ha vinto la sua prima medaglia d’oro ai Giochi invernali di Sochi 2014, diventando la più giovane campionessa olimpica di slalom di sempre.

All’età di 27 anni, Mikaela Shiffrin ha festeggiato la sua 83esima vittoria in Coppa del Mondo nello slalom gigante a Plan de Corones nel gennaio 2023. Con questo successo, ha superato la sua connazionale Lindsey Vonn (82 vittorie in Coppa del Mondo) nella lista delle migliori di tutti i tempi diventando ufficialmente la sciatrice di maggior successo della storia.

Felix Neureuther

Anche i tedeschi hanno la loro leggenda dello sci: Felix Neureuther, di Garmisch-Partenkirchen, ha ottenuto la sua 13esima vittoria in Coppa del Mondo nello slalom di Levi nel novembre 2017. Nessun altro sciatore tedesco aveva mai raggiunto questo risultato prima di lui. Il figlio dello specialista di slalom Christian Neureuther e della doppia campionessa olimpica Rosi Mittermaier detiene quindi anche il record di sciatore di maggior successo nella storia della Coppa del Mondo tedesca, prima di terminare la sua carriera nel marzo 2019 dopo lo slalom di Soldeu (Andorra):

Lindsey Vonn

Lindsey Vonn è in testa alla classifica delle migliori donne con 82 vittorie in Coppa del Mondo, il che la rende anche una leggenda dello sci. Con il suo record, può vantare un totale di 20 vittorie in più rispetto alla ‘Sportiva mondiale del secolo’, Annemarie Moser-Pröll. La Vonn ha celebrato il suo più grande trionfo nel 2010 ai Giochi Olimpici di Vancouver. Lì ha vinto il bronzo nel super-G e l’oro nella discesa libera. Negli Stati Uniti, l’atleta dello Stato del Minnesota ha raggiunto lo status di vera e propria superstar dello sport durante la sua carriera. Nel 2018, durante la trasmissione del Super Bowl, il più grande evento sportivo del mondo, l’emittente televisiva NBC ha mostrato uno spot olimpico che ruotava esclusivamente intorno alla carriera della Vonn.

Con 43 vittorie in discesa libera in Coppa del Mondo, la statunitense Lindsey Vonn è considerata la migliore sciatrice di tutti i tempi in questa disciplina.

Hermann Maier

L’austriaco Hermann Maier è diventato una vera leggenda dello sci non solo per i suoi successi. Ma anche per le sue avventure. La più spettacolare è avvenuta alle Olimpiadi invernali del 1998 a Nagano, quando Maier ha partecipato alla gara di discesa libera e si è schiantato in modo spettacolare in una curva dopo pochi secondi dalla partenza. È stato quasi un miracolo che non si sia ferito nella caduta:

The Most Spectacular Crash and Recovery in The Olympics | Throwback Thursday

Altrettanto straordinario è il fatto che solo tre giorni dopo, vinse la medaglia d’oro nel Super-G. Ritrnando sull’episodio, Maier ha detto che gli è stato molto faticoso tornare sulla linea di partenza. Ma tutto è andato bene e ha ottenuto il suo leggendario soprannome di “Herminator”. Ma dopo due medaglie d’oro olimpiche, tre titoli di Campione del Mondo e quattro vittorie complessive in Coppa del Mondo, ha concluso la sua carriera nel 2009.

Maria Höfl-Riesch

Tre medaglie d’oro olimpiche, due titoli di Campione del Mondo di sci alpino, una vittoria assoluta in Coppa del Mondo: in 13 anni di carriera professionale come sciatrice, Maria Höfl-Riesch ha vinto quasi tutto quello che c’era da vincere. Con 27 vittorie in Coppa del Mondo, la nativa di Garmisch-Partenkirchen è la seconda sciatrice tedesca di maggior successo dopo Katja Seizinger (36 vittorie in Coppa del Mondo). Tuttavia, dopo aver guidato la squadra tedesca come portabandiera alle Olimpiadi invernali del 2014 a Sochi, dove ha vinto anche la sua terza medaglia d’oro e dove ha deciso di ritirarsi dallo sport professionale. Nello stesso anno, tuttavia, l’allora Presidente federale Joachim Gauck le ha conferito la Foglia d’alloro d’argento per gli eccezionali meriti sportivi, prima di essere eletta Sportiva dell’anno in Germania nel dicembre 2014.

Oltre a Katja Seizinger, Maria Höfl-Riesch è l’unica sciatrice tedesca ad aver vinto almeno una volta la Coppa del Mondo di sci alpino.

Alberto Tomba

Muscoloso, abbronzato, carismatico e di grande successo: l’italiano Alberto Tomba è stato la celebre pop star tra i corridori di sci negli anni ’80 e ’90. Si diceva che l’eccentrico ragazzo solare e specialista tecnico bolognese è stato protagonista di numerose relazioni ed era sempre al centro del clamore mediatico. Ma questo era dovuto anche ai suoi impressionanti successi sportivi, infatti, con 50 vittorie in Coppa del Mondo, tre medaglie d’oro olimpiche e due titoli di campione del mondo in slalom e slalom gigante, è uno degli sciatori di maggior successo di tutti i tempi.

Marcel Hirscher

Nessuno prima di Marcel Hirscher ha mai vinto il grande globo di cristallo per il primo posto nella classifica generale della Coppa del Mondo di sci alpino per otto volte. Il salisburghese è nato per sciare, dopo tutto suo padre Ferdinand era il direttore della scuola di sci di Annaberg. L’austriaco ha festeggiato la sua prima di un totale di 67 vittorie individuali nella Coppa del Mondo di sci alpino alla fine del 2009 in Val d’Isère. Oltre al suo dominio nella massima serie dello sci, Hirscher ha vinto anche sette medaglie d’oro ai Campionati mondiali di sci alpino. Tuttavia, la superstar dello sci ha ottenuto i suoi più grandi successi sportivi alle Olimpiadi invernali del 2018 a Pyeongchang, dove ha vinto due volte l’oro nella combinata e nello slalom gigante. Al di fuori delle piste, Marcel Hirscher è decollato anche come uomo d’affari dopo la fine della sua carriera sportiva nel 2019 e ha lanciato il suo marchio di sci nel 2021.

Marcel Hirscher ha vinto otto volte la Coppa del Mondo di sci alpino. Più di ogni altro sciatore nella storia.

Ingemar Stenmark

La più grande leggenda dello sci alpino in realtà non proviene da un Paese alpino, ma dalla Scandinavia. Ingemar Stenmark ha vinto ben 86 Coppe del Mondo durante la sua carriera. Fuori dalle piste, il “tranquillo svedese”, come veniva soprannominato, è sempre stato molto riservato. Ma sulle piste faceva molto ‘rumore’. A differenza di Franz Klammer, ad esempio, che eccelleva soprattutto nella discesa libera, Stenmark era il re delle discipline tecniche. In Coppa del Mondo, ha vinto lo slalom gigante per un totale di 46 volte tra il 1974 e il 1989 e ha vinto il piccolo globo di cristallo nella Coppa del Mondo di disciplina per sette volte. Nello slalom è salito sul podio ‘solo’ 40 volte, ma ha vinto la Coppa del Mondo della disciplina per ben otto volte.

Ingemar Stenmark è stato la superstar assoluta dello sci negli anni Settanta, e a lui sono stati dedicati persino dei francobolli al di fuori della sua Svezia.

L’uomo di Joesjö ha vinto la Coppa del Mondo generale per tre volte di fila tra il 1976 e il 1979. Inoltre, ha vinto due medaglie d’oro alle Olimpiadi e cinque titoli di Campione del Mondo. Quanto Ingemar Stenmark fosse superiore ai suoi colleghi è stato dimostrato a Jasná, in Slovacchia, nel 1979. Lo svedese vinse lo slalom gigante con un vantaggio record di 4,06 secondi!

Hannes Schneider

Hannes Schneider, nato nel 1890, ha praticato le sue prime curve sulla neve in giovane età con gli sci che ha costruito con del legno vecchio ed è diventato il primo maestro di sci sull’Arlberg all’età di 17 anni. Inoltre, Schneider servì come istruttore di sci con le truppe di montagna austriache durante la Prima Guerra Mondiale. Dopo la guerra, fondò la scuola di sci dell’Arlberg nel 1921, che oggi è la scuola di sci più antica del mondo. Mentre lo stile telemark veniva insegnato altrove, lui e i suoi maestri di sci insegnavano già i primi precursori della curva parallela, il cosiddetto Stemmbogen, che è ancora in uso oggi. Introdusse anche l’esame statale di sci per i maestri di sci e fu cofondatore dell’importante gara Arlberg-Kandahar. nel 1939, emigrò negli Stati Uniti, dove rilevò una scuola di sci a Mount Cranmore, nel New Hampshire, e contribuì alla costruzione dell’omonima stazione sciistica. Negli Stati Uniti, Schneider è ancora chiamato il ‘Padre dello sci americano’ per questo motivo.

2. Leggende del biathlon

Magdalena Neuner

Prima che Magdalena Neuner partecipasse alla Coppa del Mondo nel 2006, il biathlon era già molto popolare in Germania in inverno. Ma con i suoi successi, la Wallgauer ha elevato la sua disciplina a un nuovo livello. Ha vinto il suo primo titolo ai Campionati del Mondo di Biathlon ad Anterselva nel 2007, all’età di soli 19 anni. In seguito, Neuner ha vinto non meno di undici medaglie d’oro in Coppa del Mondo fino al 2011, diventando così la campionessa mondiale di biathlon record fino ad oggi. Con 47 vittorie in Coppa del Mondo (13 delle quali nella staffetta), tre trionfi nella Coppa del Mondo generale e due vittorie olimpiche ai Giochi invernali di Vancouver 2010, la bavarese è diventata una vera leggenda degli sport invernali, non solo nel suo Paese.

Davanti all’imponente tribuna principale dello stadio del biathlon di Anterselva, Magdalena Neuner ha vinto il suo primo titolo di campionessa del mondo nel 2007.

Dopo il suo ritiro dallo sport attivo di alto livello nel marzo 2012, Magdalena Neuner ha lavorato per un periodo come opinionista televisiva e ora vive con la sua famiglia nella regione di Garmisch-Partenkirchen. Nella città natale della Neuner, Wallgau, oltre a un sentiero panoramico, la pista di sci di fondo vicino alla casa dei suoi genitori è stata intitolata alla tre volte sportiva dell’anno (2007, 2011 e 2012).

Ole Einar Bjørndalen

Non è una coincidenza che Ole Einar Bjørndalen sia ancora considerato il ‘Re del Biathlon’. Dopotutto, ha accumulato ben 94 vittorie individuali e 41 vittorie di staffetta nella Coppa del Mondo di Biathlon tra il 1996 e il 2017! Anche sotto altri aspetti, le cifre dimostrano quale sia lo status del norvegese nel biathlon e perché sia considerato nel complesso uno dei più grandi atleti invernali di tutti i tempi. Bjørndalen ha vinto 13 medaglie (otto delle quali d’oro) in cinque Giochi Olimpici Invernali, mentre ha vinto 45 medaglie (20 delle quali d’oro) ai Campionati del Mondo di Biathlon, oltre ad essersi assicurato la Coppa del Mondo generale per sei volte senza fermarsi lì. L’eccezionale atleta di Drammen ha persino festeggiato una vittoria nella Coppa del Mondo di sci di fondo a Gällivare, in Svezia, nel novembre 2006. È stato il primo atleta maschile di sport invernali a realizzare questa impresa in due sport diversi.

Laura Dahlmeier

Dopo il ritiro di Magdalena Neuner, i fan non hanno dovuto aspettare a lungo per la prossima superstar del biathlon dalla Germania. Nel marzo 2013, Laura Dahlmeier ha completato la sua prima gara di Coppa del Mondo al leggendario Holmenkollen di Oslo, dopo una straordinaria performance nei ranghi junior. Fu l’inizio di una carriera straordinaria, che l’atleta di Garmisch-Partenkirchen concluse solo sei anni dopo, all’età di 25 anni, per dedicarsi allo studio delle scienze sportive e alle sue altre passioni, come l’alpinismo e la corsa in montagna.

Da un lato, Dahlmeier voleva allontanarsi dalle luci della ribalta, dall’altro aveva vinto tutto quello che c’era da vincere nel biathlon in quel periodo. Oltre a 20 vittorie individuali e 13 vittorie di staffetta in Coppa del Mondo, ha anche vinto la sfida mondiale a squadre nell’Arena Auf Schalke con Florian Graf nel 2013. Tuttavia, la vincitrice assoluta della Coppa del Mondo 2017 ha celebrato il suo più grande successo un anno dopo a Pyeongchang. Durante le Olimpiadi invernali del 2018, Laura Dahlmeier ha vinto l’oro sia nella sprint che nell’inseguimento. Tuttavia, le sue prestazioni più impressionanti, almeno in termini di performance, sono state ai Campionati del Mondo di Biathlon 2017 a Hochfilzen. Lì ha vinto tre ori e un argento in quattro gare individuali. Inoltre, la squadra tedesca di staffetta femminile e di staffetta mista si sono aggiudicate altri due titoli mondiali.

Martin Fourcade

Dominante. Questo è probabilmente il modo migliore per descrivere la carriera di Martin Fourcade nel biathlon. Tra il 14 marzo 2010 e lo stesso giorno, 10 anni dopo, il francese ha vinto 79 gare individuali in Coppa del Mondo, avvicinandosi così al record di Ole Einar Bjørndalen. Ciò che l’uomo del sud della Francia ha davanti al ‘re del biathlon’, tuttavia, è il numero di vittorie complessive in Coppa del Mondo. Con sette titoli, è appena davanti al norvegese (6). La particolarità è che Fourcade ha vinto questi titoli in serie tra il 2012 e il 2018. Tuttavia, i suoi successi ai Campionati del Mondo e ai Giochi Olimpici Invernali lo hanno reso una vera leggenda degli sport invernali.

Oltre a 13 titoli di Campione del Mondo, il padre di tre figli ha anche cinque medaglie d’oro olimpiche nella sua bacheca dei trofei a Villard-de-Lans. Nella sua lettera di dimissioni dal 2020, Martin Fourcade, che è sempre stato critico durante il corso della sua carriera, soprattutto per quanto riguarda la questione del doping nello sport di alto livello, ha sottolineato la sua intenzione di rimanere attivo nella politica sportiva in futuro.

Magdalena Forsberg

L’atleta di maggior successo nella storia della Coppa del Mondo di biathlon è Magdalena Forsberg. Tra il 1997 e il 2002, la svedese ha dominato la competizione tra lo sci di fondo e il poligono di tiro. La Forsberg è salita sul gradino più alto del podio per un totale di 42 volte nella sua carriera, e ha anche vinto la Coppa del Mondo generale per sei volte. Inoltre, ha vinto anche 17 piccoli globi di cristallo delle classifiche disciplinari di Coppa del Mondo. Un record che non ha eguali finora nel biathlon femminile. Il guru del biathlon Wolfgang Pichler di Ruhpodling è sempre stato al suo fianco come allenatore. E nonostante a Magdalena Forsberg sia stato negato l’oro olimpico fino  durante la sua carriera, fino al 2002, ha vinto un totale di dodici medaglie (sei delle quali d’oro) in sei Campionati del Mondo di Biathlon. L’ex sciatrice di fondo si è assicurata la sua prima medaglia ai Campionati del Mondo nel 1987 con un bronzo nella staffetta ai Campionati del Mondo di sci nordico di Oberstdorf. Ciò che rende i risultati di Forsberg ancora più notevoli, tuttavia, è il fatto che, a causa della mancanza di fondi per lo sport in Svezia all’epoca, lavorava part-time come consulente fiscale al fine di guadagnarsi da vivere.

3. Leggende del salto con gli sci

Michael “Eddie the Eagle” Edwards

Michael Edwards è probabilmente il peggior saltatore con gli sci di tutti i tempi. Tutto ciò che desiderava davvero era partecipare ai Giochi Olimpici per la sua nativa Inghilterra. Infatti, l’ambizioso atleta senza talento è stato il primo saltatore con gli sci britannico a gareggiare ai Giochi Olimpici del 1988 a Calgary. Arrivò ultimo con un salto di 71 m e fu etichettato dalla stampa come lo “zimbello della nazione”. Ma Eddie aveva realizzato il suo sogno d’infanzia secondo il motto: “Partecipare è tutto”. Fu soprannominato “Eddie the Eagle” e, nonostante le sue scarse prestazioni sportive, “the Eagle” divenne una figura di culto in Inghilterra.

La sua incredibile storia è stata immortalata nel 2016 con il film “Eddie the Eagle: tutto è possibile”. Con Taron Egerton, Hugh Jackman e Christopher Walken:

Eddie The Eagle - Il Coraggio della Follia | Trailer Ufficiale [HD] | 20th Century Fox

Kamil Stoch

Oggi, il saltatore con gli sci Kamil Stoch è considerato il legittimo successore dell’eroe nazionale polacco Adam Małysz. A metà degli anni ’90, Małysz ha innescato un vero e proprio boom del salto con gli sci nel suo Paese con i suoi duelli contro Martin Schmitt e i relativi successi in Coppa del Mondo e ai Campionati del Mondo di Sci Nordico. E Stoch ne ha approfittato. Dopo il suo ingresso in Coppa del Mondo nel 2005, ci sono voluti quasi sei anni prima che potesse festeggiare il suo primo successo individuale. Il quale naturalmente è avvenuto nella ‘capitale del salto con gli sci’ della Polonia nonché suo luogo di nascita, Zakopane. Una delle decine di grandi vittorie per il polacco. Solo dieci anni prima, ad esempio, Sven Hannawald aveva stabilito un record a Bischofshofen che la superstar del salto con gli sci degli Alti Tatra avrebbe battuto 17 anni dopo. Nella stagione 2001/2002, il tedesco è stato il primo saltatore di sempre a vincere tutti e quattro i salti del Torneo dei Quattro Colli.

Il polacco Kamil Stoch è uno dei soli tre saltatori con gli sci ad aver fatto il Grande Slam al Torneo dei Quattro Colli.

Stoch ha poi ripetuto questo ‘Grande Slam’ finora unico nel 2018/2019, come secondo atleta di sempre a riuscirci, vincendo il secondo dei suoi tre titoli del Tour fino ad oggi. Con due vittorie complessive in Coppa del Mondo, tre medaglie d’oro olimpiche, due titoli di Campione del Mondo e i successi nel Torneo delle Quattro Colline, Kamil Stoch è anche uno dei soli cinque saltatori con gli sci che hanno trionfato nelle quattro competizioni più importanti del loro sport. Gli altri quattro di questa illustre cerchia sono Espen Bredesen, Thomas Morgenstern, Matti Nykänen e Jens Weißflog.

Jan Boklöv

Senza Jan Boklöv, il salto con gli sci non sarebbe quello che è oggi. Dopotutto, è considerato l’inventore della tecnica del salto a V. Secondo la sua stessa dichiarazione, è stato ‘costretto’ a farlo per caso durante un salto di allenamento nel 1985. Solo strappando gli sci in aria, lo svedese è riuscito a evitare una grave caduta a Falun. In gara, Boklöv ha utilizzato immediatamente la sua tecnica appena scoperta e, grazie alla maestria acquisita, a volte è riuscito a saltare fino a 20 metri più lontano dei suoi rivali.

Per la posa “Vittoria”, tuttavia, Boklöv ha continuato a ricevere detrazioni nel punteggio della postura. Tuttavia, come cinque volte vincitore di Coppe del Mondo individuali e vincitore della Coppa del Mondo generale nel 1989, ebbe un tale successo che il suo stile si affermò. Un giorno il Comitato di salto con gli sci si rese conto che con lo stile a V era possibile raggiungere distanze maggiori, per cui nel 1990 sostituì ufficialmente e definitivamente la tecnica del salto parallelo.

Toni Innauer

Anton “Toni” Innauer è diventato l’idolo della nazione alpina come saltatore con gli sci negli anni Settanta. Fu il primo nella storia del salto con gli sci a ricevere il punteggio massimo di 20 per un volo perfetto per cinque volte. Nel 1982, tuttavia, all’età di soli 22 anni, la carriera dell’austriaco ultra-talentuoso si è interrotta bruscamente dopo una grave caduta. In seguito è stato direttore sportivo dell’Associazione sciistica austriaca (ÖSV) e ha elaborato le esperienze della sua carriera nel libro “Am Puls des Erfolgs” (Sulle pulsazioni del successo). In esso, l’odierno filosofo dello sport dà uno sguardo critico allo sport di alto livello e osserva che lui stesso non voleva essere visto come un eroe (popolare).

Sven Hannawald

Quando i saltatori con gli sci in Germania sono stati celebrati come pop star all’inizio degli anni 2000, Sven Hannawald era proprio il protagonista. Dopo la sua prima vittoria individuale nella Coppa del Mondo di salto con gli sci a Bischofshofen nel gennaio 1998, ci sarebbe voluto un po’ di tempo prima che l’attuale esperto televisivo sfatasse il mito del Torneo delle Quattro Colline, quattro anni dopo. Dopo aver già vinto le gare di Oberstdorf, Garmisch-Partenkirchen e Innsbruck nella stagione 2001/2002 della più prestigiosa competizione di salto con gli sci, Hannawald ha trionfato per la seconda volta all’Epifania il 6 gennaio 2002. Così facendo è diventato il primo saltatore con gli sci della storia a vincere il ‘Grande Slam’ al Torneo.

Anche se Hannawald non è riuscito a vincere la Coppa del Mondo generale nella sua carriera, oggi è uno dei saltatori tedeschi di maggior successo e quindi una vera leggenda degli sport invernali. Oltre a due medaglie d’oro ciascuna ai Campionati del Mondo di Sci Nordico e ai Campionati del Mondo di Volo con gli Sci, l’atleta della Foresta Nera ha anche vinto il titolo olimpico di salto con gli sci a squadre a Salt Lake City 2002 insieme a Stephan Hocke, Martin Schmitt e Michael Uhrmann.

4. Leggende dello sci di fondo

Justyna Kowalczyk

Nello sci di fondo polacco ha la leadership dello sci: Justyna Kowalczyk. È stata la prima donna polacca a vincere una medaglia olimpica nello sci di fondo e per quattro volte ha vinto la Coppa del Mondo. Inoltre, Kowalczyk è l’unica vincitrice record del Tour de Ski con quattro vittorie complessive. Come due volte campionessa olimpica (2010 e 2014), è una delle fondiste polacche di maggior successo nella storia di questo sport. La sua corsa a Sochi 2014 è diventata leggendaria quando, nonostante la frattura di un osso del piede, ha affrontato con coraggio la gara di 10 km in stile classico e ha vinto l’oro olimpico con temperature primaverili:

Cross-Country Skiing - Ladies' 10km Classic - Kowalczyk Wins Gold | Sochi 2014 Winter Olympics

Bjørn Dæhlie

La gara di fondo di 10 km in tecnica classica alle Olimpiadi invernali del 1998 a Nagano è passata alla storia per due motivi. In primo luogo, perché Bjørn Dæhlie vinse la sua sesta medaglia d’oro ai Giochi invernali, cosa mai vista fino ad allora, consolidando così il suo status di miglior fondista di tutti i tempi. E in secondo luogo per la performance di Philip Boit del Kenya. Come primo olimpionico invernale del suo Paese, era ovviamente irrimediabilmente surclassato nel fondo. Così ha raggiunto il traguardo in 92esima posizione e quindi ultimo, con oltre 20 minuti di ritardo rispetto al vincitore. Ma proprio lì, pochi secondi dopo, si è verificato un vero unicum olimpico. Invece di ritirare la sua medaglia, Dæhlie era l’unico atleta rimasto nella zona del traguardo a ricevere il keniano di persona, è stato più di un semplice segno di rispetto per lui.

Da allora, i due uomini sono diventati buoni amici e Boit ha persino chiamato suo figlio Daehlie in onore della leggenda degli sport invernali. Per il norvegese stesso, la vittoria a Nagano è arrivata nell’autunno di una carriera che è rimasta ineguagliata fino ad oggi. In totale, ha vinto otto medaglie d’oro nello sci di fondo in tre Giochi invernali. Ai Campionati mondiali di sci nordico, l’eroe nazionale norvegese ha vinto anche il titolo di Coppa del Mondo per nove volte. E nella Coppa del Mondo di sci di fondo, il sei volte vincitore della Coppa del Mondo è salito sul gradino più alto del podio 46 volte nelle gare individuali tra il 1989 e il 1999.

Tobias Angerer

Nessuno si aspettava che sarebbe stato uno sciatore di fondo tedesco a fare la storia dello sport più nordico di tutti, a cavallo dell’anno 2006/2007. L’apice della stagione di Coppa del Mondo è stato il primo Tour de Ski. E il vincitore assoluto della gara, che, come il famoso Tour de France, è composto da diverse tappe, è stato proprio Tobias Angerer. Dopo che i suoi connazionali René Sommerfeldt (2004) e Axel Teichmann (2005) avevano vinto la Coppa del Mondo generale, è stato anche Angerer a continuare la serie tedesca con i suoi trionfi nel 2006 e nel 2007. Con 16 vittorie in Coppa del Mondo (gare individuali e staffette), oltre a sei medaglie d’argento e cinque di bronzo ai Campionati del Mondo e ai Giochi Olimpici Invernali, il bavarese è anche uno dei migliori fondisti tedeschi di oggi.

Marit Bjørgen

Il titolo non ufficiale di migliore sciatrice di fondo di tutti i tempi va alla madrina di questo sport, Marit Bjørgen. Dopo il suo ritiro nel 2018, la norvegese può vantare un totale di 15 medaglie olimpiche. Questo curriculum l’ha resa l’olimpionica invernale di maggior successo della storia. La Bjørgen ha vinto le ultime due delle sue otto medaglie olimpiche a Pyeongchang, prima sulla 30 km e con la staffetta femminile norvegese:

Cross Country Skiing | Ladies' 4 x 5km Relay Highlights | Pyeongchang 2018 | Eurosport

Oltre alla vittoria assoluta nel Tour de Ski (2015), la velocista allenata ha ottenuto anche quattro trionfi nella Coppa del Mondo generale (2005, 2006, 2012 e 2015). Soprattutto nella massima serie dello sci di fondo, nessuno ha avuto tanto successo quanto Marit Bjørgen, nemmeno un uomo. È salita sul podio per ben 220 volte in Coppa del Mondo e addirittura sul gradino più alto dopo 114 gare individuali. E la norvegese ha avuto successo anche 30 volte con la squadra (sprint e staffetta).

Dario Cologna

Il Tour de Ski era la sua specialità. Nessuno ha vinto il titolo assoluto maschile così spesso come Dario Cologna. Lo svizzero ha anche conquistato per quattro volte il pettorale giallo di leader della corsa a tappe al termine della salita finale dell’Alpe Cermis. Il detentore del record del Tour è nato nel 1986 a Münstertal, nel Cantone dei Grigioni, e ha iniziato a praticare lo sci alpino all’età di 5 anni. All’età di 13 anni, tuttavia, è passato dalla pista alla pista di fondo, dove è cresciuto fino a diventare il miglior fondista della Svizzera fino al suo ritiro nel 2022. In Coppa del Mondo, Cologna ha vinto 15 gare individuali e la Coppa del Mondo generale quattro volte. Ai Campionati del Mondo di Sci Nordico in Val di Fiemme nel 2013, ha vinto anche il suo unico titolo di Campione del Mondo nello skiathlon.

Nel 2010 (a Vancouver), nel 2014 (a Sochi) e nel 2018 (a Pyeongchang), l’atleta di Münstertal ha sottolineato la sua speciale dedizione per le Olimpiadi invernali. Qui ha vinto l’oro per la Svizzera quattro volte. In riconoscimento dei suoi successi, la Ferrovia Retica in Svizzera ha battezzato uno dei suoi treni “Dario Cologna” nel 2010. Mentre il comune di Tschierv, vicino al suo luogo di nascita, ha intitolato una strada alla leggenda degli sport invernali.

FAQ sulle leggende dello sci

Chi è il miglior sciatore tedesco di tutti i tempi?

Con 13 vittorie in gare individuali di Coppa del Mondo, Felix Neureuther è considerato il miglior sciatore tedesco in questa categoria. Tuttavia, è superato da due connazionali. Katja Seizinger (36 vittorie in Coppa del Mondo) e Maria Höfl-Riesch (27 vittorie in Coppa del Mondo) non solo hanno più del doppio dei successi in gara, ma con due (Seizinger) e un (Höfl-Riesch) grandi globi di cristallo sono anche le uniche due vincitrici della Coppa del Mondo assoluta di sci alpino provenienti dalla Germania.

Come si chiama lo sciatore austriaco di maggior successo?

Marcel Hirscher ha vinto ben otto Coppe del Mondo di sci alpino nella sua carriera. Ciò lo rende non solo lo sciatore austriaco di maggior successo, ma anche uno degli sciatori di maggior successo di tutti i tempi. Con sei grandi sfere di cristallo nella sua teca dei trofei, la connazionale di Hirscher, Annemarie Moser-Pröll, può ancora definirsi la sciatrice di maggior successo al mondo.

Chi è il miglior sciatore svizzero?

Il miglior sciatore svizzero è Pirmin Zurbrüggen. Oltre a quattro Coppe del Mondo di sci alpino, ha vinto un totale di 40 gare di Coppa del Mondo tra il 1980 e il 1990, undici piccoli globi di cristallo nella Coppa del Mondo di disciplina, quattro medaglie d’oro ai Campionati del Mondo di sci alpino e una medaglia d’oro olimpica nel 1988. Verni Schneider, che ha vinto per tre volte la Coppa del Mondo di sci alpino, è di nuovo considerato il miglior sciatore svizzero.

Quale sportivo invernale ha vinto il maggior numero di gare di discesa?

La statunitense Lindsey Vonn ha vinto il maggior numero di gare di discesa libera nella storia della Coppa del Mondo di sci alpino. È salita sul podio 43 volte in questa disciplina. Con 36 vittorie in discesa libera, l’austriaca Annemarie Moser-Pröll è al secondo posto nella classifica dei migliori di tutti i tempi. È davanti al suo connazionale Franz Klammer, che ha 25 vittorie nella più veloce delle discipline dello sci alpino, quattro delle quali solo nella leggendaria discesa di Hahnenkamm a Kitzbühel.

Chi è il miglior saltatore con gli sci al mondo?

Il maggior numero di vittorie complessive in Coppa del Mondo di salto con gli sci è condiviso dalla giapponese Sara Takanashi (2012/13, 2013/14, 2015/16 e 2016/17), dal polacco Adam Małysz (2000/01, 2001/02, 2002/03 e 2006/07) e dal finlandese Matti Nykänen (1982/83, 1984/85, 1985/86 e 1987/88) con quattro vittorie ciascuno. Sono quindi considerati i migliori saltatori del mondo. L’austriaco Gregor Schlierenzauer, invece, vanta il maggior numero di vittorie individuali in Coppa del Mondo, salendo sul gradino più alto del podio per 53 volte.

Destinazioni per le escursioni nella Ötztal: 8 attrazioni lontano dalle piste

Nel cuore del Tirolo, immersa in un mondo montano mozzafiato, la Ötztal dispiega il ...

Destinazioni per le escursioni Zell am See-Kaprun: 8 attrazioni lontano dalle piste da sci

Dietro il pittoresco scenario alpino di Zell am See-Kaprun si nasconde un mondo ricco ...

$stickyFooter