Après-ski: divertimento responsabile dopo la corsa

7. Maggio 2024 - SnowTrex

Il doposci fa parte degli sport invernali tanto quanto i bastoncini degli sci. Ma ciò che è iniziato un buon centinaio di anni fa come un incontro sociale dopo lo sci, per alcuni degenera in eccessi alcolici selvaggi. Questo può avere conseguenze non solo fisiche ma anche legali. Tuttavia, non sono necessari né incidenti gravi né costosi procedimenti legali se gli appassionati di sport invernali adottano un approccio responsabile al divertimento dopo lo sci. SnowTrex mostra come si può fare.

Per molti, è semplicemente parte di una vacanza sugli sci: Il doposci!

Da una sostanziosa zuppa di patate ad una festa sfrenata

Après-ski deriva dal francese e si traduce approssimativamente come “dopo lo sci”. Si riferisce al programma di intrattenimento serale delle stazioni sciistiche. Le origini dell’après-ski risalgono alla metà del XIX secolo. A Telemark, in Norvegia, si affermò la tradizione di socializzare dopo una giornata sulle piste. Le persone di solito si incontravano con gli amici per cenare nelle proprie case. Un pasto tipico dell’après-ski a quell’epoca era una ricca zuppa di patate, accompagnata dall’immancabile acquavite.

Qualche decennio dopo, l’usanza raggiunse le Alpi. nel 1893, lo Sci Club Glarus, in Svizzera, offrì per la prima volta un programma après-ski. Questo programma fu talmente apprezzato dagli appassionati di sport invernali che si diffuse rapidamente in tutta la regione alpina. Oggi, l’après-ski spazia dai ristoranti ai bar après-ski, dalla musica dal vivo con i migliori successi alle discoteche. Gli appassionati di sport invernali possono scegliere tra un’ampia gamma di opzioni, che offrono tutto, dalle cene accoglienti alle feste sfrenate che si protraggono fino alle prime ore del mattino. L’après-ski è un ottimo modo per conoscere altri appassionati di sport invernali, per rilassarsi dopo una faticosa giornata di sport e, naturalmente, per divertirsi.

Una solida base dovrebbe essere posta con pasti abbondanti prima della festa

Ma in molte località, après-ski significa anche molto alcol. Il consumo elevato di alcol, in particolare, può avere gravi conseguenze. Gli sciatori affamati o addirittura ubriachi possono causare gravi incidenti. Secondo le indagini dell’Ente austriaco per la sicurezza stradale, ben il 20% degli sciatori è sulle piste con più dello 0,5 per mille. Questo non solo porta a lesioni inutili, ma può anche essere perseguito in determinate circostanze.

L’alcol in pista è fonte di pericolo per sé e per gli altri

Tutti dovrebbero essere consapevoli delle conseguenze che il consumo di alcol ha sul corpo. Da un lato, si mette a rischio se stessi. Ad esempio, l’alcol può portare all’ipotermia più rapidamente, perché dilata i vasi sanguigni. Ciò significa che il sangue scorre più velocemente e il corpo rilascia più calore. Sotto l’effetto dell’alcol, quindi, non si accorge di raffreddarsi così rapidamente.

Lo stesso vale sulle piste: non beva e non guidi!

L’alcol disidrata anche l’organismo. Questo rende stanchi e riduce la vigilanza. Inoltre, le persone agiscono in modo più spericolato sotto l’effetto dell’alcol, poiché riduce la consapevolezza dei rischi. Infine, la capacità di coordinazione e concentrazione si riduce notevolmente sotto l’effetto dell’alcol. Nelle situazioni di pericolo, non è più in grado di reagire abbastanza rapidamente, il che porta a cadute e incidenti più rapidi.

L’alcol compromette anche la nostra visione, in quanto gli occhi inviano informazioni al cervello. Questo, a sua volta, forma un’immagine 3D dalla quale possiamo non solo riconoscere l’oggetto, ma anche ottenere informazioni sulle dimensioni e sulla distanza. Quando si scia, queste informazioni sono importanti per coordinare la sciata sulle piste senza incidenti. L’alcol interrompe questo processo molto complesso, il che significa che non riconosciamo più le cose con precisione o solo in modo sfocato. Come nel caso della guida, l’alcol rappresenta quindi un rischio per la sicurezza in pista.

Lo sci in stato di ebbrezza non è un reato penale, ma può avere conseguenze legali

La Federazione Internazionale di Sci (FIS) afferma quindi molto chiaramente nelle sue linee guida: gli appassionati di sport invernali devono esercitare cautela e considerazione in pista. La prima regola FIS afferma che gli appassionati di sport invernali devono comportarsi in modo da non mettere in pericolo se stessi o gli altri. La seconda regola stabilisce che gli sciatori devono sempre sciare in modo controllato. Chi scia in stato di ubriachezza o di ebbrezza di solito non sta facendo nessuna delle due cose e quindi viola le regole FIS.

Le regole FIS stabiliscono che gli appassionati di sport invernali devono comportarsi in modo da non mettere in pericolo se stessi o gli altri

Tuttavia, sebbene queste regole si applichino agli appassionati di sport invernali in tutto il mondo, non sono legge. A differenza della guida di un’automobile, non è un reato penale sciare in stato di ebbrezza. Ci possono essere delle conseguenze, come l’interdizione dalle piste. Tuttavia, né bere alcolici né sciare in stato di ebbrezza è illegale. Tuttavia, in caso di incidente, le regole FIS saranno applicate nei procedimenti giudiziari e il consumo di alcol sarà preso in considerazione per determinare la colpa.

Quindi, se si verifica un incidente e qualcuno si lamenta, questo può avere conseguenze sia in sede civile che penale. Se il tribunale decide che lo sciatore ha agito in modo negligente bevendo alcolici e violando le linee guida FIS, potrebbe essere ritenuto l’unico colpevole.

Nel 2011, ad esempio, il Tribunale Regionale Superiore di Monaco di Baviera ha stabilito che, oltre a non rispettare diverse regole FIS, l’elevato consumo di alcol dello sciatore in questione aveva anche causato un incidente con un battipista e che quindi era responsabile dell’incidente.

Après-ski responsabile

Che cosa significa tutto questo per il comportamento durante l’après-ski? È meglio non bere affatto? Come per molte altre cose, si tratta di moderazione: Chi inizia il suo après-ski con uno o due bicchieri di spumante a colazione e poi scende in pista è chiaramente un irresponsabile. La regola è: se scia, non beva.

Se è in pista, deve tenere le mani lontane dall’alcol

Ma per l’après-ski dopo una giornata di sci, uno o due bicchieri sono perfettamente accettabili. Naturalmente, questa è solo una linea guida approssimativa. Perché la quantità di alcol è eccessiva e dipende principalmente dai seguenti fattori: Sesso, quantità di alcol, tipo di bevanda e contenuto dello stomaco.

Le donne tollerano meno alcol degli uomini

Le donne tollerano meno alcol degli uomini. Questo perché la percentuale di grasso nel corpo è più alta nelle donne e la percentuale di liquidi è più bassa rispetto agli uomini. Poiché il grasso non assorbe l’alcol, nelle donne l’alcol viene distribuito su una minore quantità di liquidi. Il risultato è una maggiore concentrazione di alcol nel sangue, anche se una donna pesa quanto un uomo.

Non tutto l’alcol è uguale

La rapidità con cui l’alcol arriva alla testa dipende anche dal tipo di bevanda. Ad esempio, si consiglia cautela con i cocktail e le bevande alcoliche calde popolari all’après-ski, come il vin brulé, lo Jägertee o il tipico caffè svizzero Lutz.

Questo perché l’alcol caldo entra nel flusso sanguigno un po’ più velocemente dell’alcol freddo e quindi va in testa più rapidamente. A questo si aggiungono le sostanze zuccherine che vengono aggiunte alle bevande alcoliche calde e ai cocktail. Anche queste assicurano che l’alcol entri più rapidamente nel flusso sanguigno. Un altro pericolo è che le bevande miste dolci mascherano il sapore dell’alcol, il che significa che inconsciamente si beve di più.

L’effetto dell’alcol varia notevolmente a seconda della bevanda

Naturalmente ci sono differenze anche nelle bevande alcoliche non miscelate. Ad esempio, un bicchiere di birra contiene meno alcol (circa il 5 percento di alcol) rispetto a una tazza di vin brulé (fino al 14,5 percento). In definitiva, però, la quantità di alcol è il fattore decisivo per il contenuto di alcol nel sangue e per il modo in cui viene assorbito nello stomaco attraverso il cibo.

Creare una base

Anche se l’après-ski si svolge tradizionalmente prima della cena, può anche semplicemente cambiare le carte in tavola. Dopotutto, c’è sicuramente qualcosa nel detto che si dovrebbe “costruire una base” prima di bere. Se mangia un pasto grasso e ipercalorico prima di bere, è più difficile che l’alcol entri in circolo. Potrebbe trattarsi di una ricca fonduta di formaggio, di ravioli o di pasta, di pesce grasso o di patate fritte, per esempio.

Una fonduta di formaggio è un’ottima base per una serata di festa

Durante i party après-ski, è consigliabile bere un bicchiere d’acqua dopo ogni bicchiere di alcol. Questo aiuta l’alcol a entrare più lentamente nel flusso sanguigno e previene la tipica disidratazione causata dall’alcol. Anche piccoli spuntini come noci o zuppa aiutano il corpo a elaborare meglio l’alcol.

Nonostante tutte le precauzioni, deve sempre assicurarsi di non guidare sotto l’effetto dell’alcol. Questo è illegale e pericoloso ovunque. Un bicchiere di vin brulé può essere eccessivo. In caso di dubbio, è più sicuro lasciare l’auto parcheggiata e prendere un taxi per tornare in hotel. Alcuni locali per l’après-ski offrono un servizio di navetta per il ritorno all’hotel, che può anche essere una buona alternativa per il ritorno a casa.

In pista si applica la legge nazionale

Ma cosa succede se, nonostante tutte le precauzioni, si scia ubriachi in pista e si verifica un incidente? Le conseguenze penali specifiche del consumo di alcol o l’importo del risarcimento dei danni sono valutati in base alla legge nazionale.

Poiché le regole FIS si applicano a livello internazionale, i giudici di tutto il mondo le utilizzano come punto di riferimento per decidere chi è responsabile di un incidente. Inoltre, le sanzioni dipendono naturalmente sempre dal singolo caso e dalle circostanze specifiche.

Le regole FIS si applicano sulle piste

Ad esempio, vengono valutati il contenuto di alcol nel sangue, il tipo e la gravità del danno e l’esatto comportamento dello sciatore di sport invernali che ha portato all’incidente. Si distingue tra diversi livelli di negligenza sia nel diritto civile che in quello penale.

Ad esempio, nel diritto penale tedesco, la “negligenza consapevole” significa che la persona era consapevole fin dall’inizio di poter causare un danno, ma non ha comunque interrotto l’azione. Nel caso della “negligenza inconsapevole”, si presume che la persona che causa il danno non avesse cattive intenzioni e non si rendesse conto che sarebbe potuto accadere un incidente. Coloro che agiscono con intenzione vogliono addirittura deliberatamente causare danni ad altre persone. Queste gradazioni di negligenza variano a seconda del diritto penale e civile, oltre che a seconda del Paese.

In Svizzera, ad esempio, i cittadini svizzeri possono vedersi ridurre alcune prestazioni assicurative. In caso di incidente personale, l’assicurazione di indennità giornaliera viene ridotta. Se altri vengono feriti, l’assicurazione di responsabilità civile viene ridotta e la persona responsabile dell’incidente deve pagare i danni di tasca propria.

In Germania, gli incidenti sulle piste da sci sotto l’effetto dell’alcol possono addirittura comportare pene detentive fino a dieci anni, oltre al risarcimento civile.

Lo sci in stato di ebbrezza è severamente sanzionato in caso di incidente

In Italia, dove la polizia è responsabile della sicurezza sulle piste, la conseguenza più comune per chi scia ubriaco senza incidenti è una multa. Gli agenti si assicurano anche che gli appassionati di sport invernali ubriachi vengano scortati fuori dalle piste in modo sicuro.

Tuttavia, la maggior parte degli operatori delle piste e persino la polizia sono contrari ai controlli o ai divieti sull’alcol durante lo sci. In realtà, gli incidenti sciistici causati da sportivi ubriachi sono molto rari. Ciò è dovuto alle piste migliori, alle attrezzature migliori e, soprattutto, alla crescente consapevolezza della salute e della responsabilità degli appassionati di sport invernali. Ecco perché gli operatori delle piste e la polizia preferiscono limitarsi a controlli casuali quando qualcuno ha evidentemente bevuto troppo.

Postumi di una sbornia: il pericolo trascurato

Tuttavia, oltre a questo focus sullo sci in stato di ebbrezza, un altro pericolo viene spesso trascurato: i postumi della sbornia la mattina dopo. Naturalmente, chi vuole può festeggiare alla grande una notte. Ma dovrebbe anche essere chiaro che il giorno dopo non si andrà in pista. Perché anche chi scia dopo una notte di bevute mette a rischio se stesso e gli altri. La “sbornia” del mattino successivo è spesso sottovalutata. In realtà, la “sbornia” colpisce anche il corpo e il cervello.

Anche il consumo di alcolici lontano dalle piste può avere conseguenze devastanti

Oltre all’etanolo, le bevande alcoliche contengono anche i cosiddetti alcoli superiori, che sono ancora più tossici e rimangono nel corpo più a lungo. Durante la sbornia, il corpo elabora questi alcoli superiori. Ciò provoca stanchezza, dolore al collo e alla schiena, nonché mal di testa e nausea. Sciare non è solo molto spiacevole, ma compromette anche la concentrazione. Gli incidenti possono quindi verificarsi molto più rapidamente. Pertanto, è più sicuro per tutti se non si trova in pista.

Ma se beve con moderazione, non supera i propri limiti ed evita la pista in caso di dubbio, può divertirsi sia sugli sci che nel doposci.

Il doposci deve essere ben pianificato

Un buon inizio per una giornata après-ski di successo può essere, ad esempio, concludere la giornata di sci con una ricca cena. In seguito, può prendere le cose con calma e iniziare con una cioccolata calda o un tè (con un bicchierino).

Se poi passa all’alcol, deve fare attenzione ai cocktail o alle bevande miste calde e non bere più bicchieri di seguito. Dopo il vin brulé, si consiglia di bere un bicchiere d’acqua, poi magari un piccolo spuntino prima di passare nuovamente all’alcol. In questo modo non dovrà rinunciare ai deliziosi drink dell’après-ski e potrà comunque bere in modo responsabile. Potrà poi tornare all’hotel in autobus, taxi o navetta.

Un altro buon consiglio per l’après-ski è quello di iniziare presto e finire presto. In questo modo, potrà dormire a sufficienza dopo l’après-ski ed essere in forma e riposato per la pista la mattina successiva.

L’Après-ski è una grande tradizione per concludere una giornata in pista in un’atmosfera accogliente. Ma se non vuole mettere in pericolo se stesso o gli altri, ci vada piano con il consumo di alcol. Non c’è nulla di sbagliato in due o tre bicchieri di birra dopo lo sci. Tuttavia, gli eccessi alcolici selvaggi possono facilmente portare a incidenti – anche il giorno dopo – e persino ad avere conseguenze penali. Quindi la regola è: beva con moderazione e si divertirà di più!

Domande frequenti sul doposci

Da dove deriva il termine après-ski?

Après-ski deriva dal francese e si traduce come “dopo lo sci”. Si riferisce alla socializzazione dopo lo sci. La tradizione risale al XIX secolo ed è nata a Telemark, in Norvegia.

Quali sono i pericoli di bere alcolici e sciare?

L’alcol compromette diverse funzioni corporee e cerebrali. Vediamo meno chiaramente, la nostra coordinazione si deteriora, non siamo concentrati e sopravvalutiamo rapidamente le nostre capacità. Tutto questo aumenta la probabilità di incidenti in pista. Non solo può ferire se stesso, ma anche gli altri.

Sciare da ubriachi è illegale?

No. A differenza della guida dell’auto, non esiste una legge che regoli il limite di guida in stato di ebbrezza quando si scia. Tuttavia, sta mettendo a rischio se stesso e gli altri e sta anche violando le regole di comportamento della Federazione Internazionale di Sci. Se si verifica anche un incidente, lo sci in stato di ebbrezza può avere un impatto negativo sulla sanzione.

Quali conseguenze legali può avere lo sci in stato di ebbrezza?

Se lo sci in stato di ebbrezza provoca un incidente, la colpa sarà determinata sia dal diritto penale che da quello civile. Nei procedimenti penali, le sanzioni possono variare da multe a pene detentive. Nei procedimenti civili, la parte colpevole deve risarcire i danni causati.

Ci sono differenze nazionali nelle sanzioni?

La questione della colpevolezza dipende dal grado di negligenza. Questo viene definito in modo diverso nel diritto civile e nel diritto penale. Esistono anche differenze nazionali. Di conseguenza, le sanzioni possono variare da Paese a Paese. Oltre all’aspetto legale generale, anche i fattori individuali come il tasso alcolico e il tipo e la gravità del danno giocano un ruolo nella sanzione.

Cosa influenza il livello di alcol nel sangue?

Il modo in cui l’alcol viene elaborato nel sangue dipende dal sesso, dalla quantità di alcol consumata e dal tipo di bevanda. Anche il cibo consumato in precedenza influisce sulla rapidità con cui l’alcol viene scomposto. Le donne raggiungono livelli di alcolemia più elevati rispetto agli uomini con quantità inferiori di alcol, l’alcol caldo va in testa più rapidamente e i cibi grassi e ipercalorici costituiscono una buona base.

Dovrebbe rinunciare del tutto al doposci?

No! Il doposci fa parte degli sport invernali ed è un ottimo modo per concludere una giornata di sci in un’atmosfera accogliente e per incontrare altri appassionati di sport invernali. Ma deve essere responsabile: Se ha bevuto troppo, non dovrebbe guidare un’auto. È anche meglio non sciare il giorno dopo se ha i postumi di una sbornia. Inoltre, la regola di comportamento è: se scia, non beva.

Destinazioni per le escursioni nella Ötztal: 8 attrazioni lontano dalle piste

Nel cuore del Tirolo, immersa in un mondo montano mozzafiato, la Ötztal dispiega il ...

Destinazioni per le escursioni Zell am See-Kaprun: 8 attrazioni lontano dalle piste da sci

Dietro il pittoresco scenario alpino di Zell am See-Kaprun si nasconde un mondo ricco ...

$stickyFooter