Protezione solare durante lo sci: Questi sono i consigli da seguire

13. Luglio 2023 - SnowTrex

Le cime delle montagne sono bianche come lo zucchero a velo, il sole splende e la neve luccica: queste sono le condizioni ideali per gli appassionati di sport invernali. Ma è proprio questo il momento in cui gli sciatori si espongono a un pericolo spesso sottovalutato: le scottature solari. Sebbene molti prestino attenzione alla protezione solare solo in spiaggia o durante il nuoto, essa è necessaria anche sulla neve e sulle piste. Le lunghe giornate in montagna, il sole riflesso e le aree sciistiche ad alta quota comportano uno stress particolare per la pelle e per gli occhi. SnowTrex ha parlato con l’esperto di protezione solare e CEO di SWOX, Maximilian Jagsch, e gli ha chiesto i migliori consigli per la protezione solare durante lo sci.

Obbligatorio quando si scia: mettere la crema! Non solo per i più piccoli, ma anche per tutti i grandi sciatori.


Ecco perché la protezione solare è così importante quando si scia

Il fattore chiave è che gli appassionati di sport invernali sono più vicini al sole quando sciano rispetto alla spiaggia. Questo perché più si è in alto sulla montagna, più piccolo diventa lo strato protettivo dell’atmosfera. Ciò significa che i raggi UV vengono filtrati meno e quindi più raggi colpiscono la pelle. Dunque, più si sale, più si è esposti alle radiazioni. Inoltre, il sole viene riflesso sulla pelle dalla neve bianca in inverno. Quindi la pelle non viene colpita dai raggi UV solo dall’alto, ma anche dal basso o lateralmente.

I raggi del sole in montagna sono estremamente intensi.

Quando si scia, sono soprattutto le cosiddette “terrazze solari” del corpo ad essere a rischio. Il ponte del naso, le zone degli occhi, le guance, le orecchie, le labbra, così come il cuoio capelluto, l’attaccatura dei capelli e la corona della testa hanno bisogno di una protezione speciale quando si scia. Lo stesso vale per la pelle e soprattutto per gli occhi.

Suggerimento 1: protezione solare extra impermeabile

Anche se gli appassionati di sport invernali non sono direttamente in acqua quando sciano, una protezione solare extra impermeabile offre comunque la migliore protezione. Il sudore, la neve bagnata, così come gli indumenti e i guanti umidi sono sufficienti a rendere quasi inefficace una normale crema solare. Maximilian Jagsch ha un altro consiglio da insider: “Se sta cercando una crema solare che offra una protezione ottimale per il viso e il corpo anche al di là dei giorni di sci, cerchi l’etichetta ‘extra waterproof’ al momento dell’acquisto”.

Suggerimento 2: Applicare in anticipo

Se si protegge professionalmente contro le scottature dolorose, il cancro della pelle e l’invecchiamento precoce della pelle, può godersi i mesi primaverili in montagna. Le lozioni solari leggere hanno bisogno di circa trenta minuti affinché i loro principi attivi vengano assorbiti dalla pelle e sviluppino la loro piena protezione. Per evitare di dimenticare zone particolarmente sensibili della pelle, come le orecchie o il collo, è meglio applicare la protezione UV a casa o in macchina – senza cappello, occhiali o giacca.

Mai senza: la protezione solare è importante quanto l’uso del casco.

Suggerimento 3: riapplicare la protezione solare dopo almeno 2 ore

L’esperto di protezione solare Maximilian Jagsch raccomanda di riapplicare la protezione solare ogni 1,5-2 ore. Questo consente di mantenere la protezione solare, ma non la prolunga. Questo è approssimativamente il tempo dopo il quale i principi attivi perdono la loro protezione completa, o spesso parte della protezione solare si perde a causa dell’attrito. Il fattore decisivo per calcolare quanto tempo si può rimanere al sole è sempre l’inizio della giornata all’aperto e non il momento in cui riapplica la protezione solare.

Suggerimento 4: Protezione solare minerale

Mentre l’applicazione precoce è insostituibile con le lozioni, le creme solari minerali sono efficaci subito dopo l’applicazione. In passato, questi prodotti erano spesso duri e difficili da applicare. Tuttavia, le creme solari minerali di ultima generazione, come SWOX Performance Zinc, sono quasi indistinguibili da una normale lozione solare quando vengono applicate. La protezione solare minerale può essere molto utile, infatti con le sue particelle di titanio o di zinco che agiscono come piccoli specchi, impediscono la penetrazione nella pelle.

Quando il sole splende in una vacanza invernale, di solito splende bene e senza nemmeno una nuvola all’orizzonte.

Suggerimento 5: Scegliere il fattore di protezione solare (SPF)

Il fattore di protezione solare (SPF) indica quanto viene prolungato il tempo di protezione della pelle applicando una protezione solare. Il valore SPF di un prodotto dipende non solo dal tipo di pelle, ma anche dal luogo e del periodo in cui viene utilizzato. Quando si scia e soprattutto in primavera, ad esempio, si dovrebbe utilizzare almeno una crema solare con fattore di protezione 30. Maximilian Jagsch aggiunge: “Altrettanto importante del fattore di protezione solare è anche la cosiddetta protezione ad ampio spettro. Bisogna prestare particolare attenzione a questo aspetto quando si acquista una crema solare. In quanto queste proteggono dai raggi UV-B che causano il cancro alla pelle”.

Suggerimento 6: Protezione solare per la pelle sensibile

La pelle sensibile e soggetta a reazioni allergiche ha bisogno di una protezione UV speciale. Inoltre, molti atleti preferiscono creme senza profumo, che non causano reazioni cutanee soprattutto quando si suda. La parola chiave è protezione solare ipoallergenica. Le lozioni solari naturali e le creme solari minerali di questo tipo non contengono profumo, parabeni e alcol.

Suggerimento 7: Quanta crema solare applicare?

L’esperto di protezione solare Maximilian Jagsch afferma: “La maggior parte delle persone usa troppa poca protezione solare. Questo è un problema perché il fattore di protezione solare di una protezione solare si misura con la migliore distribuzione possibile e una crema sufficiente. Se se ne applica meno, la protezione UV non è sufficiente”. Per la zona del viso e del collo durante lo sci, i dermatologi raccomandano di applicare almeno un cucchiaio di crema solare.

Anche sulle terrazze soleggiate è obbligatorio per tutti gli sciatori mettere la crema!

Suggerimento 8: La migliore protezione: evitare il sole intenso

Il sole è più forte nelle ore a cavallo di mezzogiorno. Tuttavia, è difficile evitarlo completamente quando si scia. Pertanto, anche con il caldo primaverile, è importante coprire con indumenti le zone della pelle particolarmente esposte durante lo sci. Un casco o un berretto di tessuto sottile protegge il cuoio capelluto sensibile. Altrimenti, le maschere da sci sono l’alternativa agli occhiali da sole. La nuca può essere protetta con una sciarpa sottile multifunzionale o una sciarpa a tubo.

Suggerimento extra: la giusta protezione solare per gli occhi durante lo sci

Gli occhi sono un organo molto sensibile, proprio come la nostra pelle. Ecco perché hanno bisogno di una protezione speciale contro i raggi UV-A, UV-B e UV-C. Quindi, come può proteggere al meglio i propri occhi?

I normali occhiali da sole non sono sufficienti come protezione adeguata per gli occhi durante lo sci – anche se molti sciatori li utilizzano. Perché, come già spiegato, i raggi solari sono riflessi dalla neve. Gli occhiali da sole offrono protezione solo quando i raggi solari colpiscono direttamente le lenti. I raggi che colpiscono gli occhi da tutti i lati, invece, non vengono filtrati dai normali occhiali da sole. Per una protezione sicura a tutto tondo, gli sciatori dovrebbero indossare occhiali da sci adeguati, perché offrono agli occhi la protezione ottimale di cui hanno assolutamente bisogno.

Le maschere da sci offrono una protezione ideale contro i raggi UV.

Esistono diversi colori di lenti per le maschere da sci: le lenti a specchio sono consigliate perché offrono agli sciatori la migliore protezione, in quanto bloccano il bagliore. Tuttavia, non dovrebbero essere utilizzate in condizioni di luce scarsa, ad esempio in caso di nebbia, nevicate o scarsa visibilità. Al contrario, le lenti luminose come quelle gialle o rosa sono perfette per la scarsa visibilità.

È importante ricordare che la scelta degli occhiali giusti non è principalmente una questione di ottica. Anche se gli occhiali da sole ordinari hanno un aspetto più casual, in combinazione con le temperature invernali, l’ambiente luminoso e i raggi UV, possono diventare rapidamente pericolosi per gli occhi. Inoltre, le maschere da sci devono essere in grado di fare di più che proteggere dal sole: ad esempio, devono anche essere in vetro infrangibile, poiché sono esposti a forze estreme se si cade di faccia. Gli occhiali da sole possono anche rompersi molto più facilmente rispetto alle maschere da sci vere e proprie, diventando così un enorme pericolo per gli occhi.

Pertanto: può essere utile farsi consigliare in modo dettagliato da un negozio specializzato e verificare attentamente che le maschere da sci abbiano una buona vestibilità. Inoltre, si consiglia di utilizzare una maschera che permetta di utilizzare lenti diverse a seconda delle condizioni meteorologiche del momento.

Scottature solari durante lo sci e cosa fare?

Se non ha messo correttamente la protezione solare o se l’ha semplicemente dimenticata e il risultato è una scottatura, deve seguire questi passi:

Dolorose e dannose per la salute: scottature solari.

1. Eviti il sole a tutti i costi! In caso di scottatura, la pelle deve sempre essere protetta da un’ulteriore esposizione al sole. È meglio coprirsi con indumenti o fare un giorno di pausa .

2. Non appena la pelle presenta vesciche o compaiono sintomi come febbre e nausea, è necessario consultare immediatamente un medico. Non solo possono essersi verificate gravi ustioni, ma anche un’insolazione. In questo caso, il parere di un esperto è importante.

3. Dopo aver parlato con un medico o con la farmacia, è necessario applicare una crema lenitiva sulle zone colpite. In quasi tutte le stazioni sciistiche ci sono medici e farmacie che sanno cosa fare.

4. La pelle colpita ha bisogno di essere raffreddata in ogni caso. Attenzione: non applichi il ghiaccio direttamente sulla pelle (può causare congelamenti), ma applichi degli impacchi freddi. Il trattamento non è diverso da quello delle scottature solari in estate.

5. La pelle disidratata può essere aiutata soprattutto se viene idratata anche dall’interno. Quindi, beva molti liquidi – preferibilmente acqua, ovviamente. Tra l’altro, gli appassionati di sport invernali non dovrebbero in genere dimenticare di bere quando sciano, anche se ritengono di non sudare tanto.

FAQ sulla protezione solare durante lo sci

Quale crema solare è adatta allo sci?

È meglio usare una protezione solare con un fattore di protezione 20 o superiore. Deve essere impermeabile e avere un alto contenuto di grassi.

Ogni persona può utilizzare lo stesso fattore di protezione solare?

No, a seconda del tipo di pelle è necessario un fattore più elevato. Per gli amanti degli sport invernali è meglio consultare il proprio dermatologo. In linea di massima, più la pelle è chiara, più è sensibile.

È sufficiente mettere una crema sul viso?

Tutte le zone esposte ai raggi solari devono essere coperte con la protezione solare quando si scia: ad esempio, la nuca, le orecchie, le mani o le braccia (a seconda dell’abbigliamento). Anche la zona della bocca è importante: rispetto ad altre zone, la pelle delle labbra è particolarmente sottile. Un rossetto speciale con fattore di protezione solare offre la migliore protezione contro la secchezza e le scottature. Per questo motivo le labbra dovrebbero essere spalmate anche 45-60 minuti prima dell’inizio della giornata di sci e riapplicate ancora più spesso del resto del corpo.

Devo mettere la crema se rimango in montagna per poco tempo e scendo subito?

Anche in questo caso, la protezione solare è essenziale. Più alta è la montagna, maggiore è l’esposizione alle radiazioni e il rischio di scottature aumenta di conseguenza. Non importa quanto tempo sciatori e snowboarder trascorrano in montagna.

Posso andare normalmente sulle piste nonostante le scottature?

Le scottature solari non devono essere prese alla leggera e le aree cutanee colpite non devono più entrare in contatto con la luce solare. Se la pelle si surriscalda, può anche provocare un’insolazione o gravi ustioni. Quindi: allontanatevi dal sole e se necessario, fare prima controllare la propria pelle da un medico!

Gli occhiali da sole sono sufficienti a proteggere gli occhi?

I normali occhiali da sole non offrono una protezione completa per gli occhi e non sono nemmeno stabili in caso di caduta. Un’adeguata maschera da sci, invece, offre questo tipo di protezione.

Come posso evitare che le maschere da sci si appannino?

Le lenti appannate possono diventare rapidamente pericolose sulle piste. Idealmente, l’aria umida viene automaticamente convogliata all’esterno attraverso le fessure di ventilazione. Ma se queste fessure sono coperte, l’aria umida si raccoglie all’interno e le lenti si appannano. Gli occhiali con rivestimento antiappannamento si appannano meno. Inoltre, gli appassionati di sport invernali dovrebbero prestare attenzione a quanto segue: gli occhiali da sci non devono essere troppo stretti sulla testa. Se possibile, non coprire le fessure di ventilazione con cappelli o sciarpe. Se si indossa un casco, si può evitare questo inconveniente e proteggere la testa! Asciugare le maschere da sci all’aria e non sulla testa, in quanto emettono calore. Non strofinare le maschere, per non danneggiare il rivestimento. Le maschere da sci dovrebbero essere a doppio vetro (antiappannamento e protezione dagli infortuni).

Ci sono dei consigli da tenere in considerazione quando si acquistano le maschere da sci?

Una perfetta vestibilità è particolarmente importante: gli occhiali non devono essere né troppo piccoli né troppo grandi. Per gli appassionati di sport invernali è meglio controllare sempre che gli occhiali da sci abbiano una buona vestibilità con un casco (e se necessario, con occhiali da vista normali). Ottimali sono gli occhiali che si adattano alle condizioni atmosferiche. Se questo è troppo costoso, si possono utilizzare senza problemi anche occhiali con lenti intercambiabili.

Come pulire correttamente le maschere da sci?

Per evitare di danneggiare il rivestimento delle lenti, la pulizia deve essere effettuata solo con acqua e un panno in microfibra. È inoltre importante che le maschere da sci siano sempre riposte nell’apposita custodia per proteggerle dai graffi.

Destinazioni per le escursioni nella Ötztal: 8 attrazioni lontano dalle piste

Nel cuore del Tirolo, immersa in un mondo montano mozzafiato, la Ötztal dispiega il ...

Destinazioni per le escursioni Zell am See-Kaprun: 8 attrazioni lontano dalle piste da sci

Dietro il pittoresco scenario alpino di Zell am See-Kaprun si nasconde un mondo ricco ...

$stickyFooter