La sensazione di libertà nello sci di fondo: Come essere sicuri nei fuori pista

25. Luglio 2023 - SnowTrex

Sciare nella neve profonda, lontano dalle piste preparate, affascina molti appassionati di sport invernali. Perché lo associano a terreni incontaminati, a neve soffice, a una grande sensazione di libertà e a un’esperienza più intensa nella natura. Ma lo sci fuori pista è anche più rischioso. Chi vuole sciare fuori pista deve quindi assolutamente conoscere i pericoli e prepararsi molto bene. SnowTrex mostra come sia possibile sciare fuori pista in modo sicuro.

Per molti, il divertimento inizia davvero dove le piste finiscono.


Pista battuta, percorso sciistico, fuoripista: Ecco le differenze nel fuoripista

Il termine “freeride” indica gli sport invernali al di fuori delle piste battute. Una pista preparata è libera dai pericoli tipici della montagna. È protetta dalle valanghe, non ci sono alberi o rocce sulle piste e la larghezza è definita per legge. Questo rende lo sci più sicuro e più facile, ma in qualche modo anche più artificiale. Proprio per questo motivo, sempre più appassionati di sport invernali cercano di andare fuori pista per vivere un’esperienza più appagante. Lo sci fuori pista è reso particolarmente allettante anche dalla neve soffice e profonda che si trova più spesso sui percorsi non battuti.

Sentire la neve soffice fresca sotto gli sci, per molti appassionati di sport invernali è il momento più gratificante di una vacanza sulla neve.

Nei Paesi di lingua inglese, si fa una distinzione tra diversi tipi di terreno quando si scia oltre le piste battute:

  • Frontcountry è un fuoripista, ma sempre all’interno di un’area sciistica, vicino ai servizi di soccorso e con la possibilità di prendere un impianto di risalita.
  • Slackcountry si riferisce a un terreno al di fuori dell’area sciistica, ma ancora facilmente accessibile con gli impianti di risalita o le auto.
  • Sidecountry indica un pendio al di fuori del comprensorio sciistico che può ancora essere raggiunto dagli impianti di risalita. Tuttavia, gli sciatori devono arrampicarsi da soli per raggiungere la cima.
  • Il backcountry è l’unica vera esperienza di neve profonda per i puristi, poiché questi percorsi si trovano lontano dal comprensorio sciistico e non sono accessibili in auto o con gli impianti di risalita.

Nella regione alpina, la definizione è più orientata al tipo di terreno. Quindi, esistono i termini “percorsi sciistici” e “area sciistica libera” o “fuoripista” per i diversi terreni. Le piste da sci vengono segnalate e messe in sicurezza, ma non vengono battute nel senso classico del termine. Inoltre, vengono controllate solo occasionalmente. Gli appassionati di sport invernali le riconoscono grazie alla segnaletica gialla o rossa.

In quasi tutti i comprensori sono presenti percorsi sciistici. Questi sono segnati anche sulla mappa delle piste.

La larghezza dei percorsi sciistici può variare a seconda del Paese. In Austria, ad esempio, il percorso sciistico si estende per 15 metri a sinistra e 15 metri a destra della marcatura, per cui è largo 30 metri in totale. Non appena si esce da questo raggio di larghezza, ci si trova in un terreno libero.

Il terreno aperto, l’area sciistica libera o il fuoripista non hanno alcuna marcatura, non sono né preparati né controllati. Ogni sportivo invernale entra nel fuoripista a proprio rischio e pericolo. Spesso ci sono cartelli che avvertono della mancanza di segnaletica o del pericolo di valanghe. Può trattarsi, ad esempio, di un cartello con una mano da valanga o una luce lampeggiante.

È fondamentale prestare attenzione alle avvertenze.

Per i principianti, andare fuori pista è troppo pericoloso, perché il freeride è una sfida sia fisica che tecnica. Questo significa, a sua volta, che gli sciatori esperti possono percorrere qualsiasi fuoripista? In teoria, gli appassionati di sport invernali con le competenze e le conoscenze adeguate del terreno possono percorrere tutti questi percorsi. Ma attenzione! In pratica, non tutti percorsi fuoripista sono approvati per lo sci fuoripista: Ci sono anche percorsi vietati, come le aree bloccate dalle valanghe o le riserve naturali. In questi casi, il pericolo di valanghe è troppo elevato o si rischia di disturbare gravemente la natura.

Come regola generale, il freeride è tabù nelle aree chiuse o vietate, indipendentemente dalla sua abilità nello sci. Ogni comprensorio sciistico ha regolamenti diversi, quindi deve informarsi bene in anticipo.

In Italia, ad esempio, il freeride era completamente vietato fino a poco tempo fa, anche se la situazione sta lentamente cambiando in alcune aree a causa della popolarità di questo sport.

Fuori pista: Il fascino della neve profonda e del fuoripista

Lo sci fuori pista si sta sviluppando sempre più come una disciplina a sé stante. Il freeride infatti ha la sua base di appassionati. Esistono riviste speciali, app e forum su Internet dedicati esclusivamente allo sci fuori pista.

L’entusiasmo per lo sci fuori dalle piste battute è facile da capire. La combinazione di neve soffice e intatta, attraverso la quale si vola virtualmente, la sensazione di libertà e l’esperienza di vicinanza alla natura, lontano dalle piste affollate, affascinano molti appassionati di sport invernali. Infine, ma non meno importante, il facile accesso alle informazioni su Internet e le attrezzature sempre migliori hanno contribuito al boom dello sci fuori pista. I venditori di attrezzature per il fuoripista stanno registrando un aumento del 43% delle vendite.

Il freeride è diventato sempre più popolare nel corso degli anni.

Ma per quanto sia popolare, il freeride nella neve alta comporta un rischio maggiore. Chi scia lontano dalle piste preparate è più lontano dai servizi di soccorso e potenzialmente più vicino alle valanghe. Inoltre, molti sciatori si cullano in un falso senso di sicurezza grazie a un buon equipaggiamento. Si sopravvalutano, si avventurano in terreni sconosciuti e quindi si mettono in pericolo più spesso che sulla classica pista da sci.

Non si può andare fuori pista senza preparazione

Tutto questo non significa che non si possa provare lo sci fuori pista. Ma ogni appassionato di sport invernali dovrebbe essere sempre al corrente dei pericoli e prepararsi di conseguenza. Una buona preparazione per lo sci fuori pista comprende le seguenti quattro regole fondamentali:

  1. Conoscere la zona
  2. Informarsi in anticipo sulla situazione delle valanghe
  3. Portare con sé l’attrezzatura di sicurezza contro le valanghe
  4. Non sciare mai da soli

Conoscere il terreno dell’area fuoripista

La prima regola è sempre la seguente: non bisogna mai avventurarsi in una zona di cui non si è informati prima. Infatti, non appena ci si reca fuori pista, ci si trova anche al di fuori delle strutture di sicurezza abituali e da soli. Se non si conosce il percorso, ci si può perdere molto rapidamente o entrare in un’area valanghiva, mettendosiutilmente in pericolo. Esistono riviste online speciali come Powder Magazine o app con informazioni dettagliate sui percorsi e sulle condizioni della neve, come Avanet o OnTheSnow. Alcune app, come SkiTracks, hanno una funzione di tracciamento dei percorsi che si caricano automaticamente e sono visibili a tutti gli utenti dell’app e con cui è possibile tracciare anche i percorsi backcountry in modo molto preciso. Naturalmente, esistono anche le classiche mappe pieghevoli in carta, come la Freeride Map.

Prima delle escursioni, pianificare dettagliatamente la giornata sciistica e informare terzi dell’itinerario previsto.

Se non si sa come muoversi o non ci si vuole affidare a mappe o app, è possibile prenotare una guida sciistica locale. Loro conoscono bene la zona e il rischio valanghe e sanno esattamente quali sono le aree migliori per sciare in neve fresca. Sempre più stazioni sciistiche offrono anche corsi speciali di freeride.

Informarsi in anticipo sulla situazione delle valanghe

Prima di partire, si dovrebbe sempre controllare il bollettino valanghe. Il sito web www.avalanches.org è molto utile a questo scopo. Qui è possibile trovare i link a tutti i servizi di avviso valanghe europei.

Ma cosa deve cercare in un servizio di avviso valanghe? Le domande importanti sono: quali livelli di allerta sono annunciati e dove? Quali sono le zone di pericolo da evitare? In questo modo è possibile ridurre al minimo il proprio rischio. Perché sono proprio coloro che sciano fuori pista che possono arrivare più rapidamente in un’area valanghiva. Anche il fatto stesso stesso di sciare in neve fresca può innescare valanghe.

Le valanghe sono un serio pericolo per i freerider. È assolutamente necessario controllare il bollettino della situazione valanghe.

La gradazione della scala europea delle valanghe è suddivisa come segue:

  • Livello 1 – bassoLe valanghe si innescano solo quando c’è molta pressione (quando i gruppi camminano troppo vicini l’uno all’altro). Sono possibili solo scivoli e piccole valanghe spontanee.
  • Livello 2 – moderatoL’innesco di valanghe è possibile soprattutto con grandi carichi aggiuntivi. Tuttavia, non ci si può aspettare valanghe spontanee più grandi.
  • Livello 3 – considerevoleUna valanga può essere innescata da un basso carico aggiuntivo, cioè anche da una singola persona. Sono possibili valanghe spontanee medie, ma anche occasionalmente grandi. Durante la guida possono verificarsi situazioni critiche. L’esperienza è quindi d’obbligo. I freerider devono evitare i pendii ripidi e fare molta attenzione anche su terreni pianeggianti.
  • Livello 4 – grandeAnche un piccolo carico aggiuntivo può causare un distacco: è possibile che si verifichino molte valanghe di medie e grandi dimensioni in modo spontaneo. Scii fuori pista solo se ha molta esperienza nella consapevolezza delle valanghe e si limiti a terreni moderatamente ripidi. Altrimenti non scii!
  • Livello 5 – molto grandeMolte valanghe di grandi dimensioni possono crearsi spontaneamente, anche su pendii moderatamente ripidi e persino a valle. Il freeride non è possibile!
Il livello di allarme valanghe deve essere controllato quotidianamente.

Bisogna tenere presente con la scala delle valanghe che ai singoli livelli il pericolo non aumenta proporzionalmente: Al livello di allerta 1, solo un quinto del manto nevoso è instabile. Al livello 3 è già il 20%. È quindi importante non sottovalutare i livelli. Questo è proprio uno dei maggiori pericoli della scala delle valanghe. Molti sciatori credono che fino al livello 3 non ci sia un rischio elevato. In realtà, circa la metà di tutte le vittime di valanghe muore al livello 3.

È anche importante notare che la scala delle valanghe non è un rapporto sulla situazione esatta, ma una previsione. Pertanto, si dovrebbe sempre ricontrollare la situazione in loco. Se la situazione è cambiata o non ci si sente all’altezza delle condizioni, si dovrebbe piuttosto interrompere il viaggio.

Oltre alla situazione di pericolo di valanghe, è necessario controllare sempre il tempo per evitare condizioni meteorologiche e di visibilità pericolose.

Portare con sé l’attrezzatura di sicurezza per le valanghe

Quando si fa freeride, l’equipaggiamento di sicurezza per le valanghe è un must assoluto. Questo include il ricetrasmettitore di valanghe (LVS). Questo ha sia una funzione di trasmissione che di ricerca. Entrambe le funzioni non possono mai essere attive contemporaneamente. In modalità di trasmissione, il dispositivo invia un segnale a intervalli regolari. In modalità di ricerca, altri apparecchi di ricerca in valanga possono trovare una persona sepolta in caso di emergenza. Per questo motivo, si raccomanda anche che nei gruppi numerosi la distanza tra i singoli appassionati di sport invernali non sia troppo ravvicinata, in modo che non tutti possano essere sorpresi da una valanga nello stesso momento.

L’apparecchio di ricerca in valanga deve essere sempre portato sul corpo e non nello zaino. Questo perché una valanga può spazzare via molto rapidamente lo zaino per poi rimanere sepolti senza poterlo localizzare.

Il livello di allarme valanghe deve essere controllato quotidianamente.

L’equipaggiamento di sicurezza comprende anche una pala da valanga e una sonda da valanga per localizzare con estrema precisione le persone sepolte. Non bisogna lesinare sul materiale della pala. Le pale di plastica non sono molto stabili, pertanto sono più consigliate quelle in alluminio. È necessario portare sempre con sé anche un kit di pronto soccorso e un telefono cellulare completamente carico.

Esistono anche zaini airbag appositamente adatti per lo sci di fondo. Questi si gonfiano in modo simile agli airbag delle auto. Il vantaggio è che si ha più volume intorno a sé, rendendo più difficile essere sepolti dalla neve. Tuttavia, gli airbag non sono esattamente economici, con prezzi che si aggirano intorno ai 700 euro, e ci si porta in montagna un peso maggiore. D’altra parte, questi offrono una maggiore protezione se non presi come un semplice lasciapassare per cimentarsi su terreni pericolosi.

Ma l’attrezzatura giusta non serve a nulla se non si sa come usarla. Tutti coloro che vanno fuori pista devono conoscere la propria attrezzatura e prima della partenza si dovrebbe sempre fare un controllo funzionale.

Nelle stazioni sciistiche del Nord America, l’equipaggiamento di sicurezza per lo sci fuori pista è obbligatorio e anche controllato. Chiunque vada fuori pista deve anche firmare una dichiarazione di rischio con l’operatore della pista, in cui si dichiara che si va fuori pista a proprio rischio e pericolo.

Non sciare mai da soli

Il prossimo punto che ogni sciatore in neve fresca deve ricordare è di non sciare mai da solo. Lontano dai soccorsi, anche un pezzo di equipaggiamento rotto o una caviglia storta possono significare pericolo di vita. Sciare da soli la mette in pericolo di vita.

Gli appassionati di sport invernali che fanno le loro curve su terreni aperti non dovrebbero mai immergersi nell’avventura del freeride da soli.

Coloro che non hanno esperienza di neve profonda dovrebbero seguire un corso sulle valanghe. Questi sono offerti in quasi tutte le stazioni sciistiche e forniscono una base importante per sciare in sicurezza fuori pista. Anche questo dovrebbe essere aggiornato di tanto in tanto, preferibilmente ogni anno.

Oltre al kit di sicurezza contro le valanghe, è importante anche un equipaggiamento di sicurezza speciale. Questo include un casco, occhiali che non si appannano, protezioni e abbigliamento invernale traspirante. Se è un purista e vuole salire in montagna con le proprie forze, dovrebbe avere delle pelli sotto gli sci. Questo evita che scivolino all’indietro durante la salita. Se si vuole, è possibile anche utilizzare bastoncini da sci regolabili in altezza, che facilitano la salita.

Con l’ascensore, l’elicottero o con i propri sci: questo è il modo per raggiungere in sicurezza l’area della neve alta e tornare indietro

Prima di partire, bisogna organizzare sia l’andata che il ritorno.

A seconda del percorso, spesso è possibile raggiungere il fuoripista in modo semplice con un elevatore. Questi collegano i percorsi fuoripista di neve profonda alle piste battute. Poi basta sciare a valle per tornare nell’area controllata.

Altri percorsi possono essere raggiunti in auto. Da qui è possibile prendere l’ascensore o salire a piedi sulla montagna. In questo caso, è importante consultare le coordinate e i percorsi con molta attenzione, per poter tornare al punto di partenza.

Per alcune discese, gli appassionati di sport invernali devono anche allacciare gli sci per la salita.

In alcuni comprensori sciistici, è anche possibile effettuare tour fuori pista della durata di diversi giorni. I rifugi sciistici offrono soste lungo il percorso. Se deve rimanere fuori pista così a lungo e così lontano, è meglio portare con sé una bussola, un dispositivo di navigazione e una mappa cartacea e seguire sempre il percorso per tornare a valle in sicurezza.

L’eliski è particolarmente popolare nelle stazioni sciistiche degli Stati Uniti. Qui, gli appassionati di sport invernali vengono portati in vetta con l’elicottero e da lì scendono con gli sci. Ma questa pratica sta diventando sempre più popolare anche nella regione alpina. È importante che ci si attenga alle aree ufficialmente approvate per l’eliski, altrimenti può causare gravi danni alla natura o addirittura entrare in zone troppo pericolose.

L’eliski: un’esperienza molto particolare.

Alcuni appassionati di sport invernali utilizzano anche le motoslitte per raggiungere più comodamente il fuoripista. Queste hanno un prezzo, ma se c’è qualcuno che le accompagna, è un ulteriore livello di protezione in situazioni pericolose e il conducente può anche aiutare a navigare in discesa. Ci sono persino sviluppi iniziali di motoslitte autonome che possono, ad esempio, allertare automaticamente il servizio di soccorso in caso di emergenza.

Lo sci nella neve fresca è una questione di equilibrio

Una volta in cima e sul terreno, è tutta una questione di percorrenza. Sciare nella neve profonda è diverso dallo sci sulle piste tipiche. La neve polverosa leggera fa sprofondare di più nella neve. Pertanto, è necessaria una tecnica di sci speciale per superare bene la neve fresca. Lo sci nella neve profonda è caratterizzato da un movimento alto-basso molto attivo. In questo modo, si ammortizzano fortemente le ginocchia e si crea la portanza necessaria per avanzare bene nella neve profonda.

Gli esperti raccomandano anche una posizione delle gambe più stretta. Ciò significa posizionare gli sci vicini per creare una superficie più ampia. In questo modo si crea anche una maggiore portanza. Gli sci progettati per lo sci fuori pista sono quindi più larghi degli sci carving standard.

Gli sci ravvicinati creano una maggiore portanza e facilitano la sciata in neve fresca.

Un altro consiglio è quello di mantenere la parte superiore del corpo il più stabile possibile e di muoversi solo in minima parte. Questo la aiuta a mantenere meglio l’equilibrio e a non cadere rapidamente. Per farlo, bisogna eseguire piccoli movimenti con i polsi. Infatti, se si eseguono movimenti delle braccia verso l’esterno, inevitabilmente si ruoterà la parte superiore del corpo rischiando di perdere l’equilibrio più rapidamente.

Bisogna fare un po’ di pratica con questa tecnica. Per i principianti della neve profonda, è quindi consigliabile iniziare su terreni più pianeggianti o moderatamente ripidi. La profondità ideale della neve è di circa 10-20 centimetri di neve fresca, in modo da non sprofondare troppo.

Come reagire in caso di emergenza quando si scia in neve fresca

Dal momento che il rischio di incidenti è più elevato nei terreni sciistici aperti, non si deve solo prestare attenzione alla propria tecnica di sciata. È anche importante sapere come comportarsi in determinate situazioni.

Perdita di un passeggero

Come regola generale, non si deve intraprendere mai lo sci su piste non preparate da soli. I piccoli gruppi sono l’ideale per queste escursioni. Ma cosa succede se si perde una persona? Se il compagno di sci non risponde alle chiamate, entra in gioco il ricetrasmettitore di valanghe. Si passa alla funzione di ricerca per localizzare il passeggero smarrito il più rapidamente possibile. Se c’è un segnale ma non si riesce a vedere la persona, la sonda da valanga aiuta a localizzarla con precisione. Se non si riesce a trovare la persona smarrita, bisogna chiamare immediatamente il servizio di soccorso alpino.

Se un freerider perde un passeggero, è essenziale contattare immediatamente il soccorso alpino.

Rimanere bloccati nella neve

La neve profonda è un sogno per tutti gli sportivi invernali, ma presenta anche un grande ostacolo: è facile rimanere bloccati. Questo accade più spesso ai principianti del freeride, che non hanno ancora molta dimestichezza con la neve profonda. Il problema è che non si riesce ad alzarsi da soli, ma si sprofonda di più nella neve se ci si sostiene con le mani. Il trucco è non usare le mani per spalare, ma spingersi in alto con i bastoncini. È utile anche rotolare prima sul fianco, mettere lo zaino nella neve e appoggiarsi ad esso per rialzarsi.

Albero di intralcio

Gli appassionati di sport invernali che sciano fuori pista amano i pendii selvaggi. Ma ci sono anche dei pericoli in agguato. È possibile andare a sbattere contro un albero. Questo è pericoloso ad alta velocità, perché ci si può ferire rapidamente. Se questo accade a un passeggero e si ferisce gravemente, si deve chiamare il servizio di soccorso alpino. Se la persona è ancora in grado di muoversi e non si è troppo lontani dalla valle o dall’ascensore, si proceda con cautela.

La misura di sicurezza più importante, tuttavia, è: gli alberi dovrebbero far parte del percorso solo se si è in grado di sciare in modo sicuro e controllato in uno spazio ristretto.

Una collisione con un albero può essere estremamente dolorosa e pericolosa. Tuttavia, gli esperti si divertono molto a guidare abilmente intorno agli alberi.

Pozzi nascosti negli alberi

Gli alberi, tuttavia, nascondono un altro pericolo, i cosiddetti “pozzi degli alberi”. Questo è il caso in cui si è formata una rientranza molto profonda intorno ad un albero, ma la neve la nasconde. Se ci si finisce dentro, si cadrà in profondità, sepolti dalla neve e quindi in grave pericolo. Il primo passo è quindi quello di mantenere la calma. Qualsiasi movimento brusco non farà altro che far cadere ancora più in profondità. Appena possibile, bisogna mettere le braccia intorno al tronco per proteggersi dalla caduta in profondità. Poiché si è praticamente sepolti nella neve, bisogna quindi cercare delle sacche d’aria per sopravvivere il più a lungo possibile. Dopodiché, è una decisione personale se aspettare i soccorsi o cercare di tirarsi su dal tronco. Bisogna farlo lentamente e con piccoli movimenti, altrimenti ci si ritroverà con altra neve sopra di sé. Una volta riusciti, bisogna tirarsi in salvo lontano dal pozzo-albero. Dopodiché, esaurite tutte le forze e non si deve tentare una discesa da solo. A questo punto, al più tardi, è necessario allertare il servizio di soccorso, in modo da poter scendere dal pendio il più rapidamente possibile.

Condizioni meteorologiche avverse

La natura nel backcountry è spesso imprevedibile. I cambiamenti meteorologici avvengono rapidamente e possono anche essere pericolosi. Pertanto, bisogna controllare sempre con molta attenzione le previsioni del tempo in anticipo e sappia cosa fare in caso di venti forti, di un whiteout o di una nevicata improvvisa.

Tutto questo dimostra: un’ottima preparazione per ogni evenienza, la conoscenza del terreno e la prudenza sono essenziali quando si scia al di fuori delle piste segnalate. Solo chi sa cosa aspettarsi nel backcountry e si prepara di conseguenza è sicuro sulla strada e può godere appieno dell’esperienza incomparabile dello sci nella neve profonda.

FAQ sullo sci di fondo

Perché lo sci fuori pista è così popolare?

Guidare nella “natura selvaggia” trasmette una sensazione di indipendenza e libertà. Ci si sente più vicini alla natura. Inoltre, la neve fresca o profonda preferita dagli sciatori è particolarmente frequente qui.

Che cos’è il freeride?

Il freeride potrebbe essere descritto semplicemente come lo sci fuori dalle piste battute. Per molti appassionati di sport invernali, tuttavia, il termine significa molto di più; essi descrivono il freeride come uno stile di vita.

È consentito sciare in qualsiasi punto al di fuori delle piste battute?

No! Ci sono piste chiuse e vietate. Queste non possono essere percorse nemmeno per il freeride.

Anche i principianti possono andare in fuoristrada?

Lo sci fuori pista è rischioso e può rappresentare una grande sfida per le capacità fisiche e tecniche dello sciatore. Il freeride è quindi sconsigliato ai principianti. Tuttavia, coloro che vogliono imparare il freeride possono seguire un corso speciale per lo sci fuori pista e fare le prime escursioni con le guide sciistiche.

Quale attrezzatura è importante quando si scia in neve fresca?

Assolutamente indispensabile è l’equipaggiamento di sicurezza per le valanghe, composto da un ricetrasmettitore, una sonda e una pala. Inoltre, sono consigliati una bussola, un dispositivo di navigazione, un casco, occhiali da sci e protezioni. Chi sale in montagna con gli sci dovrebbe mettere una pelle da sci intorno agli sci per evitare di scivolare durante la salita.

Qual è il modo migliore per prepararsi a una giornata in fuoripista?

Una buona preparazione è l’elemento fondamentale. È necessario conoscere il percorso con largo anticipo e controllare il bollettino valanghe. Anche la situazione meteorologica deve essere sempre controllata. L’attrezzatura e l’equipaggiamento di sicurezza devono essere controllati brevemente e si devono ripassare tutte le misure di sicurezza per le situazioni di rischio.

Come si scia nella neve alta?

La sfida con la neve soffice e profonda è quella di non sprofondare. Per farlo, è necessario mantenere l’equilibrio. Pertanto, è necessario mantenere la parte superiore del corpo il più stabile possibile. Inoltre, per sollevarsi dalla neve durante lo sci, è necessario un buon galleggiamento. Questo si ottiene con un movimento attivo alto-basso e una posizione stretta delle gambe sugli sci.

Avete bisogno di un’attrezzatura speciale per il freeride?

Oltre a caschi, maschere da sci, protezioni e abbigliamento traspirante, per la sua popolarità esistono anche attrezzature speciali per il freeride. Si tratta di sci carving più larghi, bastoncini regolabili in altezza o zaini airbag. È consigliabile se si scia spesso fuori dalle piste battute. Ma in linea di massima chiunque può sciare fuori pista con l’attrezzatura da sci alpino.

Quali sono i pericoli nell’area sciistica aperta?

Poiché le piste dell’area sciistica aperta non sono segnalate, né battute o controllate, i pericoli alpini sono prevedibili. Questi includono ostacoli come alberi o rocce, nonché condizioni meteorologiche e di visibilità avverse che rendono difficile la sciata. Il pericolo più comune per i principianti è la caduta nella neve alta. Tuttavia, di solito si sa tutto questo quando si va fuori pista. Il pericolo più grande è quindi l’impreparazione e l’imprudenza.

Destinazioni per le escursioni nella Ötztal: 8 attrazioni lontano dalle piste

Nel cuore del Tirolo, immersa in un mondo montano mozzafiato, la Ötztal dispiega il ...

Destinazioni per le escursioni Zell am See-Kaprun: 8 attrazioni lontano dalle piste da sci

Dietro il pittoresco scenario alpino di Zell am See-Kaprun si nasconde un mondo ricco ...

$stickyFooter