Divertimento e brividi: i funpark negli sport invernali

26. Luglio 2023 - SnowTrex

Grab, flip, turn, slide – questi sono in realtà termini più familiari dello skateboarding. Descrivono vari trucchi che gli skateboarder eseguono con le loro tavole. Ma dalla fine degli anni ’80, questi termini sono diventati familiari anche negli sport invernali. Nei cosiddetti fun park o snow park, gli appassionati di sport invernali, come gli skateboarder, possono eseguire dei trick su percorsi speciali. I fun park si trovano in quasi tutte le stazioni sciistiche e aggiungono un altro elemento di divertimento agli sport invernali. SnowTrex fornisce alcuni suggerimenti e trucchi sui funpark nelle aree sciistiche.

Il parco giochi per gli amanti dell’adrenalina: il fun park.


I parchi divertimento offrono divertimento ed emozioni

I fun park sono parchi ricreativi speciali nelle aree di sport invernali, dove gli sciatori e gli snowboarder possono eseguire trucchi come salti, curve o salti mortali che sono troppo pericolosi sulle piste normali.

Anche se i trucchi e gli ostacoli nei fun park sono considerati sci freestyle, gli esercizi nei fun park sono diversi dallo skicross. Lo skicross è una disciplina olimpica in cui quattro sciatori sciano contemporaneamente su un percorso con salti, onde e curve. I fun park, invece, non seguono le stesse regole, hanno elementi diversi e sono destinati a coloro che vogliono provare qualcosa di diverso negli sport invernali.

Questi fun park sono relativamente nuovi per gli sport invernali. I primi parchi freestyle improvvisati sono apparsi negli anni ’60 negli Stati Uniti. I primi fun park ufficiali risalgono agli anni ’80 e devono la loro origine alla crescente popolarità dello snowboard. Questo perché gli snowboarder hanno cercato di incorporare presto dei salti nelle loro discese, in modo simile allo skateboard. I primi fun park erano quindi progettati appositamente per gli snowboarder, motivo per cui gli elementi dei fun park sono ancora oggi fortemente basati sullo skateboard.

Anche nella regione alpina, i fun park si trovano ormai in quasi tutte le aree sciistiche. Offrono agli appassionati di sport invernali l’opportunità di provare trucchi e tecniche diverse, sono popolari tra i bambini e danno un po’ più di brivido durante la guida. Pertanto, attirano anche un pubblico diverso rispetto alle piste classiche. I parchi divertimento sono stati pensati anche per dare alla regione alpina un’immagine più moderna.

Tuttavia, ci sono critiche nei confronti delle strutture: per costruire i parchi divertimento, si stanno sviluppando aree sempre più remote, mettendo in pericolo la natura. D’altra parte, la vicinanza alla natura sensibilizza anche gli appassionati di sport invernali al tema dell’ambiente e della conservazione della natura. Così, alcune stazioni sciistiche hanno fatto un compromesso e costruendo i parchi divertimento più vicini alla valle, in modo da risparmiare le aree naturali sensibili e ridurre le emissioni durante la costruzione dei parchi.

How our Snowparks are built | How LAAX Works

Da principiante a professionista: i diversi livelli di difficoltà nei parchi divertimento

Come per le normali piste da sci, anche nei parchi divertimento esistono diversi livelli di difficoltà:

Le linee, come vengono chiamate le piste, vanno da quelle per principianti a quelle per professionisti. Non esiste un sistema di denominazione standardizzato, quindi bisogna informarsi in anticipo sulla terminologia di ciascun fun park.

  • Le linee per principianti hanno solo piccoli salti con un basso grado di difficoltà. Sono chiamate linee per principianti, linee per principianti o linee piccole (linee S).
  • I principianti più esperti percorrono linee che consentono salti medio-grandi e hanno un grado di difficoltà medio. Si chiamano linee medie o linee fun.
  • A volte esiste anche la gradazione “medio-alta”. Queste linee si collocano tra i principianti avanzati e i corridori avanzati.
  • Le linee per sciatori esperti sono chiamate linee grandi (L) o linee extra-large (XL), a seconda del livello di difficoltà. Possono anche essere chiamate linee avanzate, linee pro o linee di progressione.
  • Alcuni parchi divertimento offrono anche linee speciali per le famiglie con bambini. Si chiamano linee per famiglie.
Nei parchi divertimento più grandi ci sono di solito diverse linee di kicker per i diversi livelli di abilità.

Dai jibs ai kicker: i diversi ostacoli nei parchi divertimento

I diversi ostacoli nei parchi divertimento possono essere suddivisi in quattro categorie principali: Jibs, Jumps, Pipes e Kickers. Esistono anche elementi molto particolari come fianchi, spine dorsali o elementi urbani.

Jibs

Come nello skateboard, i jib sono attacchi allungati di lunghezza e larghezza variabile, che vengono posizionati trasversalmente o parallelamente alla superficie della neve. Su queste superfici, è possibile eseguire vari trick, come rotazioni o discese all’indietro. I jib più conosciuti sono, ad esempio, i rail, i box, i tableop o i wall ride.

Le rotaie sono una superficie metallica stretta e arrotondata o piatta sulla quale si può scivolare (“jibbing”).

Gli sciatori professionisti si esercitano per diverse ore al giorno.

I box sono ispirati ai fun box dello skateboard e sono simili ai rail, solo che hanno una superficie più ampia. Per lo più questi, non vengono realizzati in metallo, ma in fibra chimica sintetica.

I wall rides sono costruzioni quasi verticali, simili a pareti.

I tabletop sono come i rail, solo che sono ancora più larghi, e sono quindi ottimi per i principianti che non osano ancora provare i box o i rail. Spesso innescano dei salti, motivo per cui sono anche descritti come ostacoli di salto.

Salti

I salti consistono nella possibilità di eseguire una varietà di salti su diversi marchingegni.

La parte piana della tavola è particolarmente popolare per i salti: questo elemento viene utilizzato non solo per scivolare, ma anche per saltare. Con il piano della tavola, si scivola dall’alto su una superficie piana e da qui si salta su un pendio più basso. Step-down significa anche che si atterra più in basso da un punto di partenza più alto. Tuttavia, manca la superficie piana come nel caso del piano d’appoggio. Uno step-up inverte il principio: qui salta da un punto di partenza più basso a una superficie di atterraggio più alta. Anche gli spazi vuoti sono molto diffusi. Qui c’è uno spazio tra il decollo e l’atterraggio, in modo da poter eseguire vari trucchi in volo.

Tubi

I tubi si dividono in half pipe e quarter pipe. Gli half pipe hanno la forma di una “U” e sono dotati di ampie superfici alle due estremità superiori su cui è possibile atterrare, le cosiddette labbra. I quarter pipe sono progettati in verticale, in modo da poter saltare in piedi dal lip, fare dei trick qui e infine atterrare di nuovo sullo stesso lip.

Gli halfpipe offrono molto spazio per nuovi salti e acrobazie.

Kicker

Gli atleti professionisti possono raggiungere altezze pazzesche.

I kicker sono salti con gli sci, spesso realizzati con la neve e livellati dai gatti delle nevi. Da qui si salta in aria e si possono fare molte acrobazie, dai salti mortali alle rotazioni, agli allungamenti o persino tenere gli sci (grab). Non ci sono regole su quanto possano essere alti o ripidi i kicker. Spesso hanno una lunga superficie per la rincorsa, in modo da poter raggiungere velocità elevate. Pertanto, è necessario prestare particolare attenzione in questo caso.

Correre su rotaie, box e kicker: consigli e trucchi

Tra gli elementi menzionati, i rail, i box e i kicker sono tra gli ostacoli più popolari nei parchi divertimento. Sono così popolari perché consentono una varietà di figure e trucchi e sono quindi adatti sia ai principianti che agli esperti. Tuttavia, la padronanaza di rail, box e kicker richiede un po’ di pratica.

La guida su rotaia richiede molta pratica ed è consigliabile esercitarsi prima a scivolare su box leggermente più larghi.

Come cavalcare le rotaie e i box?

Poiché i rail sono più stretti dei box, la maggior parte dei principianti inizia con i box. Tuttavia, la tecnica di sciata è molto simile: con i rail, tuttavia, si deve prestare maggiore attenzione alla posizione degli sci a causa della superficie più stretta. In questo caso, uno sci è piatto sul binario, mentre l’altro controlla il lato. Se si percepisce il rischio di cadere, bisogna semplicemente assecondare il movimento e lasciarsi cadere dal lato del binario. Infatti, atterando sulla neve è possibile evitare una caduta violenta sul binario.

La rincorsa deve essere come quella sulla pista. Bisogna mettere il peso al centro degli sci e piegarsi leggermente per rendere lo sci più stabile. È importante non mantenere una velocità troppo bassa, altrimenti non sarà possibile raggiungere la fine del binario o del box. D’altra parte, una velocità troppo elevata facilita la perdita di equilibrio limitando la riuscita dei trick. è necessaria molta pratica per trovare la velocità giusta. 

Gli errori tipici su rotaie e box sono tenere gli sci troppo vicini e muovere troppo le braccia. Entrambi i movimenti possono far perdere rapidamente l’equilibrio e cadere. Pertanto, la distanza tra gli sci non deve essere troppo ravvicinata e le braccia devono rimanere il più possibile ferme.

Come padroneggiare i kicker

La sfida più grande con i kicker è ottenere lo slancio necessario. In teoria, si salta solo in aria, ma dato che non ci si può muovere bene la parte inferiore delle gambe a causa degli attacchi e si deve anche portare in aria il peso degli sci e degli scarponi, è molto più faticoso di un salto normale.

L’approccio avviene nella curva per ottenere il massimo slancio possibile al momento del salto. Le anche e le ginocchia sono piegate, la parte superiore del corpo mantiene l’equilibrio posizionandosi centralmente sugli sci.

Esistono due tecniche per saltare, il “jumping” e l'”ollie”. Con il salto, la potenza proviene dalle cosce, mentre con l’ollie si tirano anche le punte degli sci verso l’alto. In questo modo si ottiene una maggiore portanza e un tempo di volo più lungo, ma allo stesso tempo non è equilibrato e tranquillo come il salto. Pertanto, è più adatto ai saltatori esperti.

Oltre alla portanza, anche il tempismo è fondamentale. Se si salta troppo presto, si rischia di non arrivare molto in alto o molto lontano. Se si salta troppo tardi, è possibile atterrare lontano, ma anche non a sufficienza in alto per eseguire dei trucchi in aria. Il momento ideale è quindi esattamente quando si raggiunge il labbro del kicker.

In aria, bisogna tirare leggermente i piedi e piegharsi un po’ in avanti. Così facendo, si riduce la resistenza dell’aria mantendendo l’equilibrio. In questo modo si ottiene anche una maggiore distanza, necessaria per un atterraggio morbido e sicuro.

Poco prima dell’atterraggio, il corpo si allunga per prendere la velocità e la potenza dell’atterraggio. Non bisogna allungarsi completamente, perché in questo modo è troppo facile cadere atterrando sulla neve. Non appena si tocca la neve, bisogna immergersi molto in profondità nelle ginocchia. Questo consente di mantenersi mantiene dritti e assorbire bene l’impatto. Gli sci atterrano piatti sul terreno e la parte superiore del corpo è inclinata in avanti. Una volta atterrati in sicurezza, ci si raddrizza lentamente.

La sicurezza prima di tutto

Giri, salti, figure in aria: come è possibile già costatare dalle descrizioni precedenti, la guida nei parchi divertimento richiede un alto livello di concentrazione e di agilità. Dal momento che gli ostacoli vengono solitamente percorsi ad alta velocità e le linee sono spesso piene, il tema della “sicurezza” è molto importante nei parchi divertimento.

La cosa più importante è che tutti siano soddisfati alla fine di una giornata emozionante al parco divertimenti.

Questo richiede, soprattutto, l’equipaggiamento giusto ovvero: un casco, occhiali da sci e protezioni. Una protezione per la schiena è importante per essere protetti in caso di cadute con questa zona.

Come per lo sci sulle piste, tuttavia, l’attrezzatura non è tutto. Anche nel parco divertimenti è necessario sciare con attenzione e considerazione. Il comportamento corretto fa quindi parte delle regole di sicurezza. Pertanto, chiunque si rechi nel parco divertimenti deve osservare le regole del parco. Queste includono:

  • Mostrare sempre considerazione per gli altri.
  • Assicurarsi che la pista sia libera prima di uscire.
  • Non spingere davanti agli altri.
  • Non entrare in pista da un lato.
  • Fare un segnale con la mano prima di lasciare la pista.
  • Quando si calcia, la distanza e il tempo di rincorsa devono essere ben cronometrati. Se non si è sicuri, si può usare altri saltatori come guida.
  • Dopo la rincorsa, liberare rapidamente la corsia di uscita.
  • Adeguare sempre la velocità e la difficoltà della linea alle proprie capacità.

Tenendo presenti queste avvertenze, come in tutti gli altri sport invernali, sciando in forma, con attenzione e prudenza, è possibile ottenere il massimo nei fun park.

I parchi divertimento sono standard in quasi tutte le stazioni sciistiche. Offrono agli amanti dell’avventura maggiori emozioni e ai curiosi l’opportunità di provare altre tecniche di sci e snowboard. Se non si esagera, ci si protegge con il giusto equipaggiamento protettivo e si rispettano le regole del parco, il divertimento nei fun park è garantito.

FAQ sui parchi divertimento

Cos’è un parco divertimenti?

I fun park sono aree ricreative speciali nelle stazioni di sport invernali dove sciatori e snowboarder possono eseguire trucchi, come salti o curve, simili a quelli dello skateboard.

Qual è la differenza tra Funpark e Skicross?

Mentre i fun park sono un’offerta per gli appassionati di sport invernali e i percorsi non seguono regole specifiche, lo sci freestyle nello skicross ha altri elementi ed è una disciplina olimpica.

Quali ostacoli si trovano nel parco divertimenti?

Le quattro categorie di ostacoli più comuni sono i salti, i jib, i kicker e i pipe, ognuno dei quali permette di realizzare diversi trick come salti, scivolate e virate.

Le file nei parchi divertimento sono divise in base alla difficoltà?

Proprio come sulle piste da sci, anche le linee dei fun park hanno diversi livelli di difficoltà. Esse sono classificate in ordine crescente da S a XL o suddivise in base al loro livello, da principiante (beginner) a medio fino a progression o pro line (advanced).

Quali sono le attrezzature di sicurezza necessarie per i parchi divertimento?

Oltre ai caschi e alle maschere da sci, sono importanti le protezioni, soprattutto per la schiena, per proteggersi dalle cadute. Tuttavia, non solo l’attrezzatura garantisce una maggiore sicurezza, gli appassionati di sport invernali nel parco divertimenti devono anche seguire le regole del parco e le norme generali di comportamento e sciare con prudenza, adattando la velocità alle proprie capacità.

Destinazioni per le escursioni nella Ötztal: 8 attrazioni lontano dalle piste

Nel cuore del Tirolo, immersa in un mondo montano mozzafiato, la Ötztal dispiega il ...

Destinazioni per le escursioni Zell am See-Kaprun: 8 attrazioni lontano dalle piste da sci

Dietro il pittoresco scenario alpino di Zell am See-Kaprun si nasconde un mondo ricco ...

$stickyFooter