Caduta dagli sci: come comportarsi correttamente

20. Luglio 2023 - SnowTrex

Chiunque faccia attività sportiva può correre il rischio di infortunarsi. Questo vale per lo sci come per qualsiasi altro sport. Tuttavia, questo non deve scoraggiare nessuno dagli sport invernali. Con un comportamento responsabile e il rispetto delle regole di sicurezza applicabili, la maggior parte degli incidenti può essere evitata. Tuttavia, in caso di caduta dagli sci sulle piste, le procedure provate e testate vi aiutano a evitare lesioni gravi e a ottenere rapidamente un aiuto professionale. SnowTrex mostra come gli appassionati di sport invernali dovrebbero comportarsi in queste situazioni.

Anche le cadute vanno imparate. Con il giusto comportamento in caso di caduta, si possono evitare cose peggiori.


La protezione inizia ancora prima di sciare

Circa 41.000 – 43.000 sciatori tedeschi hanno avuto bisogno di cure mediche dopo un incidente nella stagione sciistica 2016/2017, secondo l’Associazione sciistica tedesca. Dall’inizio della registrazione delle statistiche sugli incidenti negli sport invernali, questa è una delle cifre più basse di sempre. Di conseguenza, anche il numero di lesioni gravi negli sport invernali sta diminuendo. Tuttavia, in termini relativi, si verificano ancora troppi incidenti di minore gravità. Tuttavia, la maggior parte di essi potrebbe essere evitata seguendo le regole di sicurezza e guidando in modo appropriato e prudente.

Traumi alla testa, contusioni sul busto, fratture alle costole o alle clavicole e lesioni alle ginocchia sono le lesioni più comuni che si verificano durante lo sci e la maggior parte di esse sono causate da cadute. Le seguenti misure aiutano a prevenire le cadute e le conseguenti lesioni durante gli sport invernali: prima di affrontare le piste, bisogna riscaldarsi bene. Gli studi dimostrano che il riscaldamento prima dello sport riduce il rischio di lesioni. Il riscaldamento serve ad allungare i muscoli e stimolare la circolazione.

Bere molti liquidi è importante per mantenere la concentrazione.

È anche importante che gli appassionati di sport invernali bevano spesso e in maniera regolare. In altri sport, lo si fa automaticamente perché ci si riscalda e si suda. Ma quando si scia, non ci si accorge tanto di sudare o di avere sete a causa del freddo. Di conseguenza, si beve meno. Ciò significa che il rischio di disidratazione è ancora più elevato negli sport invernali rispetto ad altri sport. Le conseguenze sono mal di testa, problemi di concentrazione, dolori muscolari. Nel peggiore dei casi, la disidratazione porta al collasso circolatorio e allo svenimento.

Gli esperti raccomandano di bere costantemente prima e durante lo sport. La bevanda non deve essere né troppo calda né troppo fredda. L’acqua minerale poco gassata e i succhi di frutta durante le pause sono particolarmente indicati. Le bevande analcoliche come la cola o le bevande energetiche non sono consigliate, in quanto disidratano l’organismo.

Inoltre, gli appassionati di sport invernali devono essere ben riposati e in buone condizioni fisiche quando si recano sulle piste. Se non ci si sente bene, si è stanchi o non si è completamente in forma, bisogna sciare in modo imprudente e si è in grado di reagire abbastanza rapidamente nelle situazioni di pericolo. La forma fisica e mentale, quindi, garantisce un minor numero di cadute sulle piste fin dall’inizio.

Meglio prevenire che curare

Tuttavia, le cadute non possono essere sempre evitate. Tuttavia, se si è ben preparati per le piste, si possono evitare lesioni gravi. Ad esempio, l’abbigliamento protettivo può assorbire l’impatto di una caduta dagli sci e prevenire danni gravi. Questo include a seconda del livello di abilità, un’armatura per la schiena, ma almeno occhiali da sci adatti e naturalmente, un casco. Il casco, in particolare, può ridurre il rischio e la gravità delle lesioni alla testa negli sport invernali e persino salvare delle vite.

I caschi da sci salvano la vita!

Un’altra misura di sicurezza quando si scia è il sistema di accompagnamento, simile a quello che si conosce nelle immersioni. In caso di caduta dagli sci, il compagno di sci può aiutare. È consigliabile, non solo se si sta allontanando dalle piste battute, informare una terza persona che non sta sciando con lei sui percorsi previsti. Fissi un orario per un incontro o una breve telefonata con loro. Se gli sciatori non si presentano all’ora stabilita o non si presentano al punto d’incontro, potrebbe esserci qualcosa che non va. Se necessario, la persona informata può chiamare rapidamente i soccorsi, poiché sa meglio di chiunque altro dove si possono trovare gli sciatori. Tuttavia, è essenziale mantenere la calma, poiché i ritardi possono essere causati anche dalla scarsa visibilità o dal traffico intenso.

Naturalmente, gli appassionati di sport invernali dovrebbero avere sempre con sé il proprio cellulare, preferibilmente con i numeri di emergenza alpini memorizzati. Questi sono i numeri di telefono dei Paesi alpini con stazioni sciistiche:

  • Germania: 0049-89-29 49 40 (chiamata di emergenza: 112)
  • Austria: 0043-512-58 78 28 (chiamata di emergenza: 140)
  • Svizzera: 0041-333-333 333 (chiamata di emergenza: 1414)
  • Italia: 0039-0471-99 99 55 (chiamata di emergenza: 118)
  • Francia: 0033-450-53 22 08 (chiamata di emergenza: 15)
  • Liechtenstein: 41 79 390 06 09 (chiamata di emergenza: 117)
Il numero di emergenza 112 è valido in tutta Europa.

Esistono anche numeri di emergenza locali per la maggior parte delle stazioni sciistiche. Se non ha questi numeri a portata di mano, può chiamare il numero di emergenza generale 112 in tutta Europa. I soccorritori informeranno il servizio di soccorso alpino appropriato.

La prudenza non è mai troppa

Una gran parte delle cadute negli sport invernali sono il risultato di collisioni. Oltre il 15 percento degli incidenti sono causati da collisioni. L’Associazione sciistica tedesca definisce questo dato “inaccettabile”, perché le collisioni potrebbero essere facilmente evitate prestando maggiore attenzione sulle piste.

Le regole di condotta della Federazione Internazionale di Sci FIS sono consigliate come linee guida per uno sci attento e sicuro.

Prima di tutto, è importante comportarsi in modo da non mettere in pericolo gli altri o se stessi. Ciò include l’adattamento della velocità alle condizioni della pista e a quelle climatiche, nonché alle proprie capacità. Secondo la FIS, molte collisioni negli sport invernali sono causate da una velocità eccessiva o da un comportamento di guida incontrollato. Si può fare un paragone con la guida di un’automobile: i principianti non dovrebbero sciare troppo velocemente perché potrebbero perdere facilmente il controllo, anche gli appassionati di sport invernali dovrebbero comportarsi allo stesso modo.

Prima di scendere, bisogna sempre scegliere il percorso che non mette in pericolo gli altri sciatori sulla pista. Gli sciatori più avanti nella fase di percorrenza hanno sempre la priorità. Il sorpasso è consentito. Tuttavia, è necessario mantenere una distanza sufficiente per non spaventare gli altri sciatori ed evitare collisioni.

Anche sulle piste vale quanto segue: guidare con lungimiranza!

Se ci si ferma sulla pista, bisogna sempre guardarsi intorno prima di ripartire, in modo da non finire sulla traiettoria di altri sciatori.

Gli appassionati di sport invernali sono anche responsabili dei difetti delle loro attrezzature o degli incidenti o delle cadute che ne derivano. Pertanto, è necessario verificare sempre la qualità dell’attrezzatura e rispettare gli standard di sicurezza applicabili.

Importante, ma a volte difficile da giudicare o da conoscere: non bisogna sopravvalutare se stessi (e il proprio corpo). Se si è stanchi, è necessario prendersi una pausa. Se ci si accorge che il prorpio corpo non ce la fa più, bisognerebbe lasciar perdere per la giornata e non spingersi oltre i propri limiti, perché le conseguenze possono essere gravi. Chi guida troppo in condizioni di stanchezza è disattento, commette errori rapidamente, trascura gli altri e reagisce più lentamente. Tutto questo può portare più rapidamente a incidenti che mettono in pericolo se stessi e gli altri.

Quindi è meglio fermarsi prima o semplicemente fare una pausa di un giorno, invece di sottoporre il prorpio corpo a sforzi eccessivi. In questo modo ci si potrà rilassare davanti al fuoco con una tazza di tè e tornare sulle piste il giorno dopo, riposati e in forma.

Prima regola per le cadute: mantenere la calma

Ma cosa succede se si cade? Dipende dal tipo di caduta. Se cade senza farsi male, la prima cosa da fare è rialzarsi il più rapidamente possibile. Per non rappresenta un rischio per se stessi o per gli altri sciatori. Per farlo, bisogna disporre gli sci perpendicolarmente alla pista: ciò significa che la testa è in alto, la parte inferiore di entrambi gli sci è rivolta verso il basso e gli sci sono paralleli tra loro sul terreno. Ci si alza ad angolo retto rispetto alla pista, questo accorgimento impedisce di scivolare ulteriormente o di partire direttamente quando ci si rialza.

Se non si riesce a farlo abbastanza velocemente, si deve cercare di togliersi di mezzo il più rapidamente possibile. In caso di emergenza, è sufficiente strisciare di lato o nell’area visibile. Se non si è in grado di farlo da soli o se è feriti, bisogna chiedere aiuto agli altri sciatori. È meglio attirare l’attenzione su di sé gesticolando e gridando.

Controlli sempre se ha perso qualcosa nella caduta con gli sci o se si è rotto qualcosa che potrebbe ferire altre persone o danneggiare il materiale altrui. Quando sarà di nuovo in grado di sciare e la sua attrezzatura sarà sicura, potrà continuare il suo viaggio.

Chiunque osservi una caduta dagli sci, sia con il proprio compagno di sci che con un altro sciatore, ha l’obbligo di aiutare. La cosa più importante è non farsi prendere dal panico, perché questo, impedisce di agire con calma e razionalità e può peggiorare la situazione.

Chiunque sia testimone di un incidente deve mettere in sicurezza il luogo dell’incidente e chiamare i soccorsi.

Chi si precipita a prestare soccorso e non riesce a portare la persona caduta fuori dalla “linea di fuoco” abbastanza rapidamente, deve seguire il seguente protocollo per gli incidenti:

  • Innanzitutto, mantenere la calma e valutare la situazione.
  • Nella fase successiva, mettere in sicurezza la zona dell’incidente.
  • È fondamentale verificare la situazione delle lesioni della persona caduta.
  • Quindi, chiamare soccorsi e occuparsi personalmente del primo soccorso, per quanto possibile.

Mettere in sicurezza il luogo dell’incidente

Il primo passo è mettere in sicurezza il luogo dell’incidente, in modo che non si verifichino altri incidenti, come i tamponamenti. Per farlo, posizionare due bastoni da sci a forma di “X” nella neve a circa cinque-dieci metri sopra il luogo dell’incidente. Poi controllare la posizione della persona ferita. Verificare se la persona è cosciente. Se non ha visto esattamente cosa è successo, non bisogna rimuovere il casco per proteggere la colonna vertebrale, a meno che l’infortunato non riesca a respirare attraverso il casco, abbia vomitato o necessiti di rianimazione bocca a bocca. Il primo passo è quindi quello di mettere l’infortunato in una posizione sicura, come la posizione di recupero. Se l’infortunato è in grado di reagire, è meglio metterlo nella posizione più comoda per lui.

Chiedere aiuto

Solo se si è veramente sicuri che non ci siano fratture o commozioni e che l’infortunato sia in grado di muoversi da solo, è necessario portarlo sul bordo della pista. Poi allerti il servizio di soccorso e chieda aiuto. Se si viaggia con più persone, si possono dividere i compiti e quindi agire più rapidamente. Anche gli altri sciatori che passano di lì possono essere avvisati della situazione gridando e possono aiutare a mettere in sicurezza il luogo dell’incidente, chiamare il servizio di soccorso o prestare il primo soccorso. Sono anche testimoni importanti che possono aiutare a redigere un rapporto sull’incidente.

Ogni stazione sciistica dispone di personale paramedico in caso di emergenza.

Se si trova in un luogo privo di ricezione del telefono cellulare, a volte può essere utile spegnere e riaccendere il telefono, componendo infine il 112 invece del pin.

Inviare un segnale di soccorso alpino

Se non ha con sé un telefono cellulare o non può attivare la chiamata di emergenza, chieda aiuto ad altri sciatori. Se si trova da solo o fuori dalle piste affollate, senza alcuna prospettiva di aiuto, entra in gioco il metodo del segnale di soccorso alpino:

Questo è generalmente destinato alle emergenze estreme o esistenziali, in cui non è possibile chiedere aiuto da soli. Si segnala visivamente e/o acusticamente che si ha bisogno di aiuto. Può trattarsi di sventolare una sciarpa o una luce o semplicemente di chiamare. È importante ripeterlo ogni dieci secondi per un minuto. Seguendo una pausa di un minuto, durante la quale aspetta di vedere se qualcuno risponde. Se non c’è risposta, ricomincia dall’inizio. Ripetere questo procedimento finché qualcuno non risponde. È importante non fermarsi finché non si riceve una risposta chiara o non viene salvato. È meglio continuare con il segnale anche dopo una risposta, in modo da poter essere trovati.

Chiunque senta o veda un simile segnale di soccorso alpino deve chiamare immediatamente il servizio di soccorso e rispondere con un segnale. Questo viene fatto dalla persona che risponde con 3 segnali entro un minuto, seguiti anche da una pausa di un minuto.

Rispondere a domande importanti

Chiunque abbia l’opportunità di contattare i servizi di emergenza dovrebbe avere pronte le risposte a sei importanti domande:

  • Chi sta chiedendo aiuto?
  • Cosa è successo?
  • Quante persone sono ferite?
  • Dove e quando è avvenuto l’incidente?
  • Quali sono le condizioni meteorologiche?
Per poter indicare ai soccorritori la posizione approssimativa di una caduta, gli sciatori e gli snowboarder dovrebbero sempre ricordare il numero della pista su cui si trovano.

Per descrivere meglio la posizione esatta, gli sciatori dovrebbero sempre ricordare il numero della loro pista o il nome dell’impianto di risalita. Se non si ricorda, cerchi di descrivere al meglio le immediate vicinanze: ci sono determinati segnali o cartelli? Riesce a riconoscere alcuni edifici? Al termine della chiamata, aspetti sempre di vedere se ci sono domande.

Prestare il primo soccorso e rassicurare la persona ferita

Se il servizio di ambulanza sta arrivando, presti lei stesso il primo soccorso, per quanto possibile. Questo include la protezione dell’infortunato dall’ipotermia, ma anche il rafforzamento mentale e l’incoraggiamento.

La Croce Rossa tedesca ha pubblicato un’app certificata di primo soccorso che funziona anche offline e con la quale può anche avviare le misure di primo soccorso in caso di emergenza, fino all’arrivo dei soccorsi professionali. Non appena arriva il servizio di soccorso, mostri ai soccorritori la scena dell’incidente e risponda alle loro domande.

Incidenti così gravi sono relativamente rari negli sport invernali, ma tutti dovrebbero sapere cosa fare in caso di emergenza. Questo non solo aiuta in caso di incidente, ma rende anche lo sci più tranquillo e più sicuro in generale.

La maggior parte delle cadute durante lo sci sono causate dalla disattenzione. Se segue le regole di sicurezza, se scia con attenzione e prudenza e se  siè ben protetti, si può evitare la maggior parte degli incidenti ed essere al sicuro sulle piste. Le auguriamo un buon viaggio!

FAQ su cosa fare in caso di incidente sugli sci

Lo sci è pericoloso?

Come in tutti gli sport, anche in quelli invernali possono verificarsi incidenti. Tuttavia, il numero di infortuni gravi nello sci è ai minimi storici.

Quali sono le lesioni da sci più comuni?

Le lesioni alla testa, al busto e alle ginocchia sono i tre infortuni più comuni nello sci. Di solito sono causati da cadute.

Qual è la causa più comune di una caduta con gli sci?

Le collisioni sono all’origine della maggior parte delle cadute negli sport invernali. A loro volta, queste sono causate principalmente da un ciclista che viaggia troppo velocemente o in modo incontrollato.

Si può evitare una caduta dagli sci?

Sì! La maggior parte delle cadute negli sport invernali è causata dalla disattenzione. Se si scia con attenzione, si è in forma, si seguono le regole di sicurezza e si indossa un abbigliamento protettivo adeguato, si possono evitare le cadute.

Cosa succede quando si assiste alla caduta di uno sciatore?

Ogni sportivo invernale è tenuto a prestare soccorso in caso di incidente. Il primo passo è mettere in sicurezza il luogo dell’incidente, verificare lo stato dell’infortunio, chiamare i soccorsi e prestare il primo soccorso all’infortunato.

Cosa fare se si è verificato un incidente e non si dispone di un telefono cellulare (rete) e ci si trova fuori dai sentieri battuti?

Il segnale di soccorso alpino è stato introdotto per queste emergenze, quando c’è la possibilità di essere visti dai rifugi o a valle. Si dà un segnale visivo o acustico ogni 10 secondi. Dopo un minuto (o sei segnali), si fa una pausa di un minuto e poi si ricomincia finché non c’è una risposta (3 segnali al minuto con un minuto di pausa e la ripetizione) o non arrivano i soccorsi.

Destinazioni per le escursioni nella Ötztal: 8 attrazioni lontano dalle piste

Nel cuore del Tirolo, immersa in un mondo montano mozzafiato, la Ötztal dispiega il ...

Destinazioni per le escursioni Zell am See-Kaprun: 8 attrazioni lontano dalle piste da sci

Dietro il pittoresco scenario alpino di Zell am See-Kaprun si nasconde un mondo ricco ...

$stickyFooter