I conducenti dei battipista assicurano piste perfettamente battute nel comprensorio sciistico

28. Maggio 2024 - SnowTrex

Curve delicate su piste perfettamente preparate: questo o qualcosa di simile è il sogno di ogni sciatore che diventa realtà. I conducenti dei battipista sono in parte responsabili dell’innevamento ideale del comprensorio sciistico. E SnowTrex spiega come riescono a garantire che migliaia di appassionati di sport invernali possano vivere un’esperienza perfetta su piste innevate, giorno dopo giorno, con attrezzature che pesano diverse tonnellate e hanno una grande sensibilità.

Al volante dei battipista, i conducenti assicurano che le piste del comprensorio sciistico siano sempre perfettamente battute

La storia dei battipista

Il padre originale dei battipista, come li conoscono oggi gli appassionati di sport invernali delle stazioni sciistiche, era un canadese. Il solo nome di Armand Bombardier è ancora famoso in tutto il mondo nel 21° secolo. L’azienda che porta il suo nome produce ancora oggi veicoli, treni e aerei. Ed è stato Bombardier a progettare per la prima volta una motoslitta nel 1922 e a lanciare il primo veicolo cingolato sul mercato nel 1935. Nel rigido inverno canadese, lo SnowCoach veniva utilizzato per trasportare persone e materiali. Il veicolo era dotato di pattini sterzanti nella parte anteriore, mentre sull’asse posteriore veniva utilizzata una trasmissione a catena.

Con la crescente popolarità dello sci negli anni ’50, anche le stazioni sciistiche hanno dovuto adattarsi e preparare le piste di conseguenza per gli appassionati di sport invernali. Inizialmente, la neve sulle piste veniva compressa con rulli tirati a mano. Per facilitare questo lavoro fisicamente impegnativo, in quel periodo Bombardier e altri svilupparono veicoli cingolati con un rullo da pista montato in Nord America. In Europa, i canadesi collaborarono con un’azienda austriaca di Graz negli anni Sessanta. Poco dopo, il modello BS 01 e quindi il primo battipista europeo fu presentato come progetto comune.

Negli anni ’70, la richiesta di battipista da parte delle stazioni sciistiche era così alta che quasi 30 produttori vendevano i loro modelli in Europa. Tuttavia, molte di queste aziende più piccole sono state acquistate da concorrenti più grandi. Oggi, i leader del mercato nel segmento dei battipista sono l’azienda tedesca Kässbohrer Geländefahrzeug AG con il suo noto marchio “Pistenbully” e Prinoth AG di Vipiteno in Alto Adige.

L’equipaggiamento di lavoro di un conducente di battipista

I conducenti di battipista devono essere molto sensibili e precisi nel loro lavoro, per lasciare una pista perfettamente battuta. In contrasto con questo, tuttavia, è la loro massiccia attrezzatura di lavoro. Dopo tutto, i battipista possono pesare fino a 14 tonnellate. Sono alimentati da potenti motori diesel che, a seconda del modello, possono erogare oltre 500 CV. Per domare questa potenza, tuttavia, i conducenti sono sempre meno propensi a raggiungere un volante tradizionale. Alcuni veicoli di grandi dimensioni sono ora dotati di joystick nella cabina di guida. E questa non è l’unica cosa davvero futuristica. Le numerose funzioni di un battipista sono gestite tramite display e decine di pulsanti. Con tanta alta tecnologia, va da sé che costa anche molto. In alcuni casi, le ferrovie di montagna devono pagare fino a 350.000 euro per un battipista.

Con un peso di 11,5 tonnellate, il “BEAST” di un produttore dell’Alto Adige è uno dei battipista più grandi del mondo

Nonostante queste cifre impressionanti, la velocità massima dei veicoli cingolati pesanti durante la preparazione delle piste è tutt’altro che veloce. A causa del loro peso elevato e dei pendii ripidi che i conducenti di battipista devono affrontare nelle stazioni sciistiche, in questo caso viaggiano solo a 10-15 km/h. Il consumo di carburante, invece, è di 30-40 litri di diesel invernale all’ora. Il carburante si differenzia dal diesel normale per l’aggiunta di sostanze chimiche speciali che impediscono la flocculazione o addirittura il congelamento nel serbatoio alle temperature invernali in montagna.

Prestazioni impressionanti in montagna e nomi di animali

Per svolgere al meglio il proprio lavoro, i conducenti di battipista devono essere in grado di guidare su qualsiasi pendenza con la propria attrezzatura da lavoro. Non importa quanto sia ripida la pendenza. Per questo motivo, i punti di ancoraggio vengono installati all’inizio delle piste più ripide. I cavi d’acciaio, lunghi fino a 1.500 metri e arrotolati sugli argani dei veicoli cingolati, possono essere fissati lì. Sono uno dei sistemi di sicurezza più importanti a bordo, in quanto servono come ausilio alla salita per evitare di scivolare. In totale, questi argani a cavo hanno una forza di trazione di quasi 4,5 tonnellate e consentono ai moderni battipista di percorrere piste con pendenze fino a 45 gradi o al 100 %. Per fare un confronto: la pista più ripida della Coppa del Mondo di sci alpino, la Kandahar a Garmisch-Partenkirchen, ha una pendenza del 92% al suo apice.

A proposito: quando gli appassionati di sport invernali parlano di battipista, gatti delle nevi e gatti della neve, intendono sempre la stessa cosa. Il termine “Pistenraupe” è comunemente usato nei Paesi di lingua tedesca quando si parla dei veicoli cingolati pesanti utilizzati per preparare le piste. A volte, però, si usa anche il termine battipista o rullo da pista. Pistenbully, invece, è in realtà un marchio. Il produttore tedesco Kässbohrer ha dato questo nome altamente ufficiale ai suoi battipista. Ad esempio, i modelli “PistenBully 400” o “PistenBully 600” sono utilizzati in alcune stazioni sciistiche. Gli sciatori e gli snowboarder hanno semplicemente adottato questo soprannome per i veicoli cingolati, simile al modo in cui i fazzoletti vengono chiamati Tempos. Il termine “gatto delle nevi” è spesso utilizzato anche per indicare i battipista. Si tratta di una traduzione diretta dall’inglese. Qui, il battipista pesante viene solitamente chiamato “gatto delle nevi”.

Il numero di battipista utilizzati in una stazione sciistica dipende in larga misura dalle dimensioni dell’area di innevamento. Ad esempio, ogni giorno vengono utilizzati 7 battipista sui 112 chilometri di piste di Obergurgl, nella Ötztal. A Serfaus-Fiss-Ladis (198 chilometri di piste), invece, la flotta comprende già 21 veicoli cingolati pesanti.

I produttori di battipista e le stazioni sciistiche si concentrano sulla sostenibilità

Per rendere sostenibile il funzionamento dei battipista, alcune stazioni sciistiche, come quella di Kleinwalsertal, stanno testando il passaggio a biocarburanti, ad esempio a base di scarti vegetali. Le ferrovie di montagna sperano di ridurre le emissioni di CO₂ dei veicoli cingolati pesanti fino al 90 %. I due leader del mercato, Pinroth e Kässbohrer, si spingono ancora oltre quando si tratta di concetti di guida. Il produttore tedesco offre già il suo modello top di gamma, il “Pistenbully 600 E “, con un motore diesel-elettrico. Nel complesso, questo riduce le emissioni di CO₂ dell’ibrido del 20% per veicolo. Tuttavia, entrambe le aziende hanno equipaggiato uno dei loro modelli più piccoli con motorizzazioni puramente elettriche (circa 250 CV) e lo stanno utilizzando in alcune stazioni sciistiche a scopo di test.

La clip seguente mostra come si sono svolti i test con il battipista elettrico della Germania e cosa hanno da dire i partecipanti sui risultati:

nel 2020, gli esperti di battipista dell’Alto Adige hanno intrapreso una direzione diversa in termini di sostenibilità e hanno presentato un prototipo con una cella a combustibile a idrogeno (544 CV). nel 2022, il concetto è stato ulteriormente sviluppato quando è stato presentato il “LEITWOLF h2MOTION” con un motore a combustione di idrogeno (460 CV).

Autista di battipista: un lavoro per i nottambuli

Se vuole diventare autista di battipista, non deve essere mattiniero. Perché il lavoro stesso è più adatto ai nottambuli. Dopo tutto, i pesanti veicoli cingolati vengono portati fuori dal garage solo quando gli sciatori e gli snowboarder hanno appena preso le ultime gondole per scendere a valle o stanno già gustando le prime bevande fredde all’après-ski. Questo significa che il turno dei conducenti di battipista inizia di solito intorno alle 16.00. Per prima cosa controllano le condizioni dei loro veicoli nei depositi di veicoli delle stazioni sciistiche. Questo include la verifica di tutte le funzioni e i controlli importanti, il controllo della trasmissione dei binari per verificare la presenza di danni, la misurazione del livello dell’olio e, naturalmente, il rifornimento di carburante. Per questa procedura viene riservata poco meno di un’ora, prima di scendere in pista intorno alle 17.00, poco dopo la chiusura delle piste.

Chi deve preparare quali piste viene stabilito in anticipo nel programma di lavoro della giornata. Per distribuire in modo ottimale la neve sulle piste assegnate, i conducenti dei battipista in alcune stazioni sciistiche sono ora supportati da sistemi GPS. Questi visualizzano la profondità della neve in tempo reale su uno schermo nella cabina di guida e mostrano al conducente dove potrebbe essere necessario apportare delle modifiche. Per lasciare agli ospiti delle stazioni sciistiche piste perfettamente battute il giorno successivo, il lavoro deve essere svolto in modo molto preciso e richiede quindi molto tempo. Per i conducenti di battipista, questo significa che di solito finiscono il lavoro solo tra le 23.00 e l’1.00 del mattino.

Quando nevica, i battipista devono uscire anche di notte, affinché le piste siano perfettamente preparate al mattino

In un caso molto particolare, tuttavia, il turno di un autista di battipista può iniziare addirittura alle 4 del mattino. Questo avviene quando la neve è caduta al buio. Poiché i primi impianti di risalita aprono tra le 8 e le 9 del mattino, hanno poco meno di 4 ore per preparare le piste per gli sciatori paganti. A tal fine, la neve fresca viene compattata direttamente sulle piste o spinta ai bordi delle stesse.

Una patente di guida e una passione per l’inverno, per favore!

Con largo anticipo: l’autista battipista non è un apprendistato. Le persone che svolgono questo lavoro iniziano sempre come normali dipendenti della ferrovia di montagna. Chiunque abbia l’ambizione di guidare i pesanti veicoli cingolati sulle piste ogni giorno in inverno, deve prima informare il proprio datore di lavoro, ossia il gestore della stazione sciistica. E nel caso in cui i team di manutenzione delle piste necessitino di un sostegno da parte del personale, i potenziali conducenti di battipista ricevono prima un’introduzione completa da parte di un collega esperto. Questi familiarizza intensamente con le attrezzature di lavoro dei nuovi arrivati, prima di lavorare insieme ai turni di preparazione delle piste. L’autista, che fa questo lavoro da molti anni, spiega cosa bisogna osservare sul terreno del comprensorio sciistico e come si possono manovrare i battipista in modo sicuro sulle piste. Le loro conoscenze nel campo della preparazione delle piste vengono inoltre aggiornate regolarmente attraverso una formazione continua e avanzata.

Il seguente video del comprensorio sciistico di Hochfügen Zillertal mostra come si svolge il lavoro quotidiano di un autista di battipista:

Oltre alla passione per l’inverno, i futuri autisti di battipista devono assolutamente avere la patente di guida. Nelle stazioni sciistiche svizzere, questo lavoro richiede anche la patente di guida per i camion. Per maneggiare un’attrezzatura pesante come un battipista, sono necessarie anche conoscenze tecniche e abilità manuali, almeno quelle di base. Dovrebbe anche avere una conoscenza della fisica e un interesse per la meteorologia, per poter garantire una preparazione ottimale delle piste anche nelle condizioni di neve più diverse.

Nel complesso, quello di battipista è un lavoro molto stagionale. In inverno, tuttavia, si tratta di un lavoro a tempo pieno con una settimana di 40 ore, che viene svolto anche nei giorni festivi e nei fine settimana. Dopotutto, le stazioni sciistiche sono aperte anche qui. In media, si possono guadagnare oltre 2.100 euro lordi al mese. Lo stipendio mensile può anche essere aumentato grazie a ulteriori qualifiche.

I conducenti di battipista come artisti della neve

Nel loro lavoro quotidiano nel comprensorio sciistico, il compito principale degli autisti dei battipista è ovviamente la preparazione perfetta delle piste assicurate. Ma hanno anche altre importanti responsabilità. E alcuni specialisti diventano veri e propri “artisti” della neve. I pesanti veicoli cingolati vengono utilizzati per modellare gli ostacoli e i kicker nei parchi divertimento o per creare half-pipes per gli sciatori e gli snowboarder freestyler. Sui battipista possono essere installati “strumenti” aggiuntivi, come le frese speciali curve e lunghe un metro, per scolpire con precisione i profili di questi ostacoli spettacolari, come la superpipe di Laax, famosa in tutto il mondo, nella pista.

I battipista possono anche utilizzare le loro attrezzature pesanti per modellare gli halfpipe, come qui a Laax

I battipista vengono utilizzati anche nella maggior parte delle stazioni sciistiche per aprire nuove piste o per pavimentare e mantenere i sentieri escursionistici invernali. Ma non è tutto. Grazie alle loro dimensioni, i battipista sono praticamente predestinati al trasporto di carichi pesanti. Il loro compito è anche quello di rifornire i rifugi e i ristoranti di montagna del rispettivo comprensorio sciistico con tonnellate di cibo e migliaia di litri di bevande ogni anno, nonché di trasportare altre attrezzature tecniche o materiali da costruzione da A a B sulla montagna. In breve, tutto ciò di cui l’infrastruttura ha bisogno.

Tuttavia, per tutte le loro attività creative e importanti, i conducenti di battipista devono anche avere una sana comprensione dei pericoli del loro lavoro. Da un lato, ogni giorno spostano attrezzature speciali che pesano diverse tonnellate, che possono essere spostate con molta cautela solo in determinati punti del comprensorio sciistico o addirittura devono essere assicurate in modo speciale. Per evitare incidenti, come nel caso degli scialpinisti, che spesso non sono immediatamente riconoscibili sul terreno innevato e sono quindi facili da trascurare, i conducenti di battipista devono sempre mantenere una concentrazione assoluta nella cabina di guida. Devono anche tenere sempre d’occhio le condizioni meteorologiche per la propria sicurezza. In caso di nevicate e nebbia, i conducenti possono perdere l’orientamento a causa della scarsa visibilità, soprattutto al buio. Di conseguenza, possono rapidamente manovrare involontariamente in una zona a rischio valanghe o su pendii ripidi in un terreno difficile.

Domande frequenti sui conducenti di battipista

Cosa fanno i conducenti di battipista?

Il lavoro di un autista di battipista è vario. Si occupano principalmente della battitura delle piste segnate nel comprensorio sciistico. Mantengono i sentieri escursionistici invernali con le loro attrezzature pesanti, aprono nuove piste e creano ostacoli di neve nei fun park e negli halfpipe. Trasportano anche tonnellate di cibo e bevande ai rifugi e ai ristoranti di montagna, nonché materiali da costruzione e altre attrezzature tecniche per le infrastrutture del comprensorio sciistico.

Da quanto tempo esistono i battipista?

Il canadese Armand Bombardier, la cui azienda produce ancora oggi veicoli, treni e aerei, è considerato il capostipite dei battipista. nel 1922, progettò inizialmente una motoslitta, prima di presentare il primo veicolo cingolato pesante che poteva essere utilizzato anche sulla neve nel 1935. Negli anni ’50, Bombardier combinò il concetto di veicolo con un battipista, creando il primo battipista al mondo.

Quanto costa un battipista?

Nel 21° secolo, i battipista sono ricchi di alta tecnologia. I battipista più grandi pesano fino a 14 tonnellate e sono alimentati da motori da 500 CV e oltre. Di conseguenza, i modelli più grandi di battipista costano fino a 350.000 euro ciascuno.

Quali requisiti professionali devono soddisfare i conducenti di battipista?

Il lavoro di autista di battipista non è un apprendistato. I dipendenti degli operatori delle stazioni sciistiche o delle ferrovie di montagna che desiderano integrare i team di manutenzione delle piste vengono sempre formati da colleghi esperti. Chi vuole diventare autista di battipista deve avere una patente di guida. In Svizzera, è richiesta anche la patente per la guida dei camion. È inoltre un vantaggio se i futuri autisti di battipista possiedono conoscenze tecniche, abilità manuali e un interesse per la fisica e la meteorologia.

Quanti battipista sono necessari per ogni stazione sciistica?

Il numero di battipista varia da stazione sciistica a stazione sciistica. La dimensione della flotta dipende in gran parte dalle dimensioni del comprensorio sciistico. A Obergurgl (122 chilometri di piste), ad esempio, ci sono 7 battipista in funzione ogni giorno, mentre a Serfaus-Fiss-Ladis (198 chilometri di piste) ce ne sono 21.

Destinazioni per le escursioni nella Ötztal: 8 attrazioni lontano dalle piste

Nel cuore del Tirolo, immersa in un mondo montano mozzafiato, la Ötztal dispiega il ...

Destinazioni per le escursioni Zell am See-Kaprun: 8 attrazioni lontano dalle piste da sci

Dietro il pittoresco scenario alpino di Zell am See-Kaprun si nasconde un mondo ricco ...

$stickyFooter